Mentre il Movimento Fridays for Future prepara nuove iniziative (il 24 maggio è previsto un secondo sciopero globale degli studenti) e Greta Thunberg si aggira per i palazzi romani, siamo andati in strada per dialogare con i cittadini sui temi relativi al cambiamento climatico. “Manifestare è giusto, ma non basta: occorre cambiare abitudini di consumo e stile di vita, all’insegna della sobrietà e dell’attenzione”, dichiarano in molti. Qualche esempio? “Sprecare di meno, muoversi con i mezzi pubblici, stare attenti agli acquisti alimentari, fare un’accurata differenziata” , spiega una ragazza che ogni venerdì manifesta in piazza.

Ma anche, aggiungono altri, “evitare gli imballaggi in plastica, convertirsi al trasporto elettrico, rivolgersi a fornitori di energia rinnovabile e in generale premiare chi propone un modello ecosostenibile”. “Tutto vero, ma la responsabilità maggiore ce l’hanno i produttori, non i consumatori, ed è la politica che deve dettare le regole”, osserva un altro giovane. “In ogni caso è decisivo che i ragazzi acquisiscano la consapevolezza di agire uniti per cambiare il sistema”, risponde un signore molto preoccupato dagli effetti del riscaldamento globale. Ma in strada si trovano anche gli scettici: “A me sembra tutta una montatura, dietro ci sono i grandi interessi della green economy”. E voi che dite?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“Vivere felici senza plastica”, la guida: 5 consigli pratici per passare ad uno stile di vita “plastic-free”

prev
Articolo Successivo

Earth Day 2019, il mondo si mobilita per le specie minacciate: eventi in 193 Paesi, gli appuntamenti in Italia

next