“Ognuno chiede le dimissioni di chi vuole poi io per fortuna continuo a raccontare le storie che mi stanno più a cuore – commenta il senatore pentastellato Gianluigi Paragone -. Le dinamiche di palazzo lasciano il tempo che trova io racconto la storia di questi fornitori che hanno raccontato con il Mercatone Uno che non vengono pagati. Raccontare sempre storie che avvengono in questo palazzo a me non fa impazzire avendo raccontato sempre queste storie vere. Raggi, Siri sono storie che interessano il nostro ring ma a questi lavoratori non credo interessi. Abbiamo letto oggi questa cosa dell’Espresso, vediamo cosa emerge certo la Lega ha poco da rivendicare proprio oggi”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Di Maio: ‘Gravissimo che Lega minacci crisi. Italia non è un gioco’. Salvini: ‘È solo nella sua testa. Controlli a chi va reddito’

prev
Articolo Successivo

Sergio Ramelli, appello di 60 parlamentari al prefetto per non vietare il corteo di commemorazione dell’estrema destra

next