“Ognuno chiede le dimissioni di chi vuole poi io per fortuna continuo a raccontare le storie che mi stanno più a cuore – commenta il senatore pentastellato Gianluigi Paragone -. Le dinamiche di palazzo lasciano il tempo che trova io racconto la storia di questi fornitori che hanno raccontato con il Mercatone Uno che non vengono pagati. Raccontare sempre storie che avvengono in questo palazzo a me non fa impazzire avendo raccontato sempre queste storie vere. Raggi, Siri sono storie che interessano il nostro ring ma a questi lavoratori non credo interessi. Abbiamo letto oggi questa cosa dell’Espresso, vediamo cosa emerge certo la Lega ha poco da rivendicare proprio oggi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

I nuovi Re di Roma

di Il Fatto Quotidiano 6.50€ Acquista
Articolo Precedente

Di Maio: ‘Gravissimo che Lega minacci crisi. Italia non è un gioco’. Salvini: ‘È solo nella sua testa. Controlli a chi va reddito’

next
Articolo Successivo

Sergio Ramelli, appello di 60 parlamentari al prefetto per non vietare il corteo di commemorazione dell’estrema destra

next