I legami diretti tra la famiglia Arata e Matteo Salvini risalgono almeno a due anni fa. Il figlio di Paolo Arata, Federico Arata, ha infatti organizzato il viaggio nel dicembre 2017 del segretario della Lega negli Stati Uniti, facendo da ponte tra lui, Steve Bannon e Donald Trump. “Mi chiamo Federico Arata e sono il mittente, insieme a Ted, di questo viaggio negli Stati Uniti per Salvini. Io lavoro come spin doctor per Lega, cercando di aiutarli a migliorare socialmente e internazionalmente». Con queste parole, Federico, si era presentato agli americani.

Successivamente, secondo quanto riporta un’inchiesta dell’Espresso, Arata junior avrebbe contribuito a creare, sempre dietro le quinte, l’alleanza tra la Lega e le forze nazionaliste e anti-europee. È stato lui ad accompagnare Bannon nel suo giro in Italia, a settembre 2018. Federico, 34 anni, laureato in economia alla Luiss, è un banchiere di successo che ha lavorato per Nomura, Bnp Paribas, Bsi, Credit Suisse. Quando l’Espresso gli chiede “se aveva mai avuto rapporti d’affari con il padre e il fratello”, rispetto alle indagini delle Procure di Palermo e Roma, Federico fa sapere tramite il suo avvocato che “lui non c’entra niente con la vicenda resa nota dai giornali”. Oggi, il giovane banchiere vive in Svizzera e detiene quote in due società, la Italex Gmbh e la Token Up Sagl. Ed è almeno dal 2016 – scrive sempre l’Espresso – che è impegnato a creare una rete tra la Lega e il mondo della politica e della finanza internazionale.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lo smartphone pieghevole Galaxy Fold e le rotture dello schermo, Samsung pubblica una nota ufficiale

next
Articolo Successivo

Renzi querela la pensionata rovinata dalle banche, mentre Zingaretti la riceve al Nazareno. ‘Per pagare venderò negozio’

next