Al Salone di Shanghai Audi svela la nuova AI:me, concept ideato per destreggiarsi al meglio nella jungla urbana delle metropoli asiatiche e operare nel campo del car sharing: i suoi assi nella manica sono la modularità degli spazi interni – assai generosi in rapporto alle dimensioni esterne –, la meccanica 100% elettrica e la sofisticata tecnologia di guida autonoma di quarto livello. Quest’ultima consente di affidarsi al pilota automatico del veicolo nella maggior parte degli scenari di marcia: quando non serve, quindi, il volante si ritrae nella plancia.

Lunga 4,3 metri e con un passo di 2,77 metri, la AI:me poggia su cospicui cerchi da 23”, resi ancora più evidenti dagli sbalzi estremamente ridotti: risultano dalla compattezza della meccanica a zero emissioni. Hanno doppia funzione i fari, quasi mimetizzati nella carrozzeria: oltre che per illuminare la strada, servono per comunicare con pedoni e ciclisti attraverso la proiezione sull’asfalto di specifici messaggi. L’abitacolo, come detto, si adatta alle necessità dell’utente: prevede due sedili anteriori, mentre la porzione posteriore dell’interno può essere divisa fra passeggeri e bagagli a seconda delle necessità.

La denominazione della vettura – AI sta per “intelligenza artificiale” – si riferisce pure al sofisticato sistema infotelematico della AI:me, che adopera il tracciamento oculare per la selezione delle funzioni, comandi vocali e superfici tattili integrate nei pannelli porta. Le informazioni di bordo vengono mostrate su uno schermo 3D che corre lungo il bordo inferiore del parabrezza. Tuttavia, il prototipo è pensato per sopperire a bisogni più “convenzionali”, come il pranzo: infatti, è possibile consumare il proprio pasto nell’abitacolo, sfruttando persino degli speciali supporti magnetici per fissare bicchieri o altri accessori. In pratica, quando non si è alla guida, la AI:me diventa una sorta di salotto a quattro ruote.

Non mancano, poi, occhiali 3D per navigare sul web, guardare contenuti multimediali o giocare ai videogames. E il sistema di cancellazione del rumore, che sfrutta le frequenze audio emesse dall’impianto hi-fi, annulla le sonorità parassite provenienti dall’esterno. E, se c’è troppo sole, i cristalli elettrocromatici si scuriscono per far filtrare meno luce. Infine, per aumentare il confort di marcia, il telaio prevede sospensioni a controllo elettronico. Sotto al cofano un’unità elettrica da 170 Cv di potenza, collegata all’asse posteriore di trazione e alimentato da una batteria da 65 kWh, più che sufficienti per gli spostamenti cittadini.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Seat, sul set va in scena la “Casa delle Bombole”. E il metano è servito

next
Articolo Successivo

Guida autonoma, le grandi manovre dei colossi americani Uber e Apple

next