Il sindaco di Napoli Luigi de Magistris ha annunciato, nel corso di un’intervista alla trasmissione Agorà su Rai tre, di avere intenzione di correre alle elezioni regionali in Campania del 2020. “Le posso dire – ha detto – che ci candideremo fra un anno, questo sicuramente”. Il primo cittadino, che ha fondato nel 2015 il movimento politico DemA, alla domanda su una sua personale candidatura alla carica di presidente ha risposto: “Questo è probabile. Lo verificheremo anche in base alle alleanze che riusciremo a costruire. La Campania potrà essere un laboratorio alternativo alla Lega sicuramente, ed anche a questo governo”.

Non è ancora chiaro, quindi, se de Magistris scenderà in campo personalmente contro l’attuale presidente della Regione, Vincenzo De Luca, il quale non ha mai nascosto la sua intenzione a ricandidarsi. Intanto, durante la trasmissione ha fatto due richieste al governo gialloverde: “La sicurezza, che è un compito dello stato. Prevenire e reprimere. E non fare più discriminazioni. Non si può per la terza volta salvare solamente una città da debiti che conosciamo, come il salvaRoma dove si trovano 12 miliardi di euro, e lasciare gli enti locali del Paese, soprattutto nel mezzogiorno, senza risorse. Questo è un grave errore perché disunisce il Paese”.