Ad uccidere a colpi di pistola in Slovacchia il giornalista investigativo Jan Kuciak e la sua fidanzata Martina Kusnirova è stato un ex militare. Si chiama Miroslav Marcek ed era uno dei cinque sospettati dell’omicidio. A dare la notizia è la televisione pubblica slovacca Rtvs.

Marcek, dice l’emittente, dopo cinque ore di interrogatorio, ha confessato di essere stato lui stesso a sparare a Kuciak. Fino ad oggi l’ex soldato nel caso figurava solo come l’autista, mentre il killer veniva indicato in suo cugino Tomas Szabo. Kuciak e la sua fidanzata furono uccisi nel febbraio 2018. Dell’omicidio erano accusate cinque persone, tra le quali il mandante, l’imprenditore Marian Kocner, che continua a negare ogni addebito.

Dopo tre settimane dall’omicidio, le proteste della popolazione portarono alle dimissioni del premier Robert Fico. Kuciak, 27 anni, e la sua fidanzata sono stati trovati senza vita il 25 febbraio nella loro casa vicino Bratislava, uccisi a colpi di arma da fuoco. Il giornalista stava realizzando un’inchiesta, pubblicata poi postuma e incompleta, sulle relazioni fra imprenditori italiani sospettati di essere legati alla ‘ndrangheta e uomini politici slovacchi. La vicenda aveva dato il via a proteste in Slovacchia e altri Paesi: 40mila persone erano scese in strada a Bratislava nella più grande protesta dalla rivoluzione di vellut oche nel 1989 rovesciò il regime comunista cecoslovacco e altre manifestazioni si sono svolte in varie città slovacche, così come a Praga e Berlino.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Olanda, in Parlamento arriva una petizione per rendere illegale la prostituzione

next
Articolo Successivo

next