Zone rosse per i nuovi centri di accoglienza di migranti che non potranno sorgere a meno di 150 metri dalla stazione e dalle tre scuole del paese. È questo il contenuto del provvedimento voluto dall’amministrazione a trazione leghista di Calolziocorte, comune di 14mila abitanti sulle rive dell’Adda, in provincia di Lecco. “Si tratta di una misura a scopo preventivo – racconta il sindaco Marco Ghezzi, che l’anno scorso ha strappato il comune al centrosinistra – non è retroattiva ma nasce da esigenze di sicurezza”. Oggi Calolziocorte ospita una trentina di richiedenti asilo ospitati in maniera diffusa su tutto il territorio: “Non capiamo il perchè di questo regolamento – spiega Paolo Casu dell’associazione Il Gabbiano Onlus che si occupa dell’accoglienza diffusa – perchè la scuola, l’oratorio o la biblioteca sono considerati luoghi sensibili? Qui non c’è mai stato nessun problema con i ragazzi accolti”. Anche Moussa, 19 enne ivoriano, è stupito: “Qui abbiamo fatto tanti lavori per la comunità e non abbiamo mai creato problemi”. Il sindaco leghista però respinge le accuse al mittente e spiega così la genesi del provvedimento: “Abbiamo sentito che qui vicino, a Lecco, sono state fatte retate dentro un centro d’accoglienza dunque se la prospettiva è quella, bisogna fare attenzione. Se qualcuno mi costruisce un centro e poi nasce questo problema diventa più difficile da sradicare una volta che è costruito”. Un concetto che non piace alla reggente della scuola media Manzoni, considerata all’interno della zona rossa: “Non abbiamo avuto problemi con i migranti anche perché sono tra i nostri studenti quindi vengono accolti all’interno della scuola come vuole l’ordinamento scolastico”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Napoli, sequestrato il tesoro di Luigi Scavone: ville, Ferrari, Rolex e 5 milioni in contanti. E’ accusato di maxi evasione

next
Articolo Successivo

Sequestri Veneto, oltre alle mazzette di Galan, imprenditori con capitali off shore: tutti scudati o prescritti. Ecco chi sono

next