E’ stata arrestata la mamma del piccolo di 8 anni ucciso di botte a Cardito (Aversa) dal padre Tony Essobti Badre a fine gennaio scorso. I poliziotti hanno eseguito un’ulteriore ordinanza a carico di Badre, attualmente in carcere, per il tentato omicidio della sorella del piccolo.

La 30enne Valentina Casa è accusata di essere rimasta inerte mentre il compagno Tony Essobti Badre picchiava a morte il figlio e feriva la sorellina. Sempre secondo quanto emerge dall’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip, invece di chiamare i soccorsi la donna ha cancellato le tracce, pulendo il sangue e ed eliminando ogni segno del pestaggio. Era noto che la donna avesse assistito all’aggressione, ma si era difesa dicendo di essere sotto shock durante il fatto, e di non essere riuscita a fare nulla.

Ad eseguire il provvedimento gli uomini della Polizia di Stato – Squadra Mobile di Napoli e Commissariato di Afragola – su ordine del gip del Tribunale di Napoli Nord. L’indagine è stata coordinata dalla Procura della Repubblica di Napoli Nord guidata da Francesco Greco.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cesena, 46enne morto dopo lite in strada con nuovo compagno della ex fidanzata

prev
Articolo Successivo

Anna Florence Reed, morta in albergo in Svizzera. Il fidanzato: “Gioco erotico finito male”. Ma la polizia per ora non gli crede

next