Domenica 7 aprile: un giorno che gli appassionati di musica pop (e trash) ricorderanno a lungo. Si può fissare qui, infatti, la data storica della réunion di Paola e Chiara. A sorpresa, ieri, le sorelle Iezzi sono tornate a cantare insieme (seppur in playback). L’occasione è stata il compleanno del direttore marketing e comunicazione della casa di moda Etro, Carlo Mengucci. Le due sembravano quelle di un tempo, affiatate e complici, mentre cantavano il loro successo datato 2002, Festival, davanti agli altri invitati della festa (da Diletta Leotta a Marcelo Burlon).

Una notizia che ha eccitato tutti i loro fan della prima ora. D’altronde, erano trascorsi più di sei anni da quando le sorelle Iezzi avevano deciso di dividere le loro strade professionali e private. Il duo più amato degli anni duemila, la mora e la bionda, come gli Oasis avevano litigato e come gli Oasis avevano deciso di mettere un punto alla loro storia. Certo il paragone con i fratelli Gallagher è una cosa che non sta in piedi ma la “guerra” tra le due a colpi di dichiarazioni e rivendicazioni a mezzo stampa c’era stata.

Neanche quattro mesi fa Paola aveva rilasciato un’intervista: “Mi identifico spesso con gli Oasis, ciò che è successo a loro è successo anche a noi […] Non sento spesso Chiara, ma è un esercizio di rispetto reciproco. Non ci si separa mai in pace. Si può arrivare a un’accettazione. L’iceberg è stato diventare persone diverse, con desideri diversi. Una persona mi chiamò per dire basta, non era lei, ma lo fece per conto suo. Per me è stato un dolore fortissimo”. Chiara, invece, aveva fatto sapere di aver chiuso con la musica. Cosa abbia fatto scattare la pace non è dato sapere. Anche perché sia Paola, sia Chiara, da noi contattate, per ora preferiscono non parlare.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Candida auris, l’articolo sul New York Times preoccupa gli Usa: “Si sta diffondendo un virus resistente agli antibiotici che uccide in 90 giorni”

prev
Articolo Successivo

Alda D’Eusanio mangia e il cane le lecca la bocca, i fan l’attaccano: “Vomitevole”

next