Le valutazioni dell’Ocse sulla manovra del governo M5s-Lega? Che sia un’intromissione o una valutazione lo lasciamo stabilire agli osservatori indipendenti. Dal nostro punto di vista, di fatto il quadro che delinea l’Ocse è sbagliato e non sarebbe la prima volta che sbaglia le previsioni e le ricette proposte”. Sono le parole pronunciate ai microfoni de “L’Italia s’è desta”, su Radio Cusano Campus, dal senatore M5s Marco Pellegrini, membro della Commissione Bilancio.

Il parlamentare aggiunge: “Abbiamo visto diverse volte che la cura ha ammazzato il malato invece di salvarlo. Noi stiamo riflettendo su questi temi da dieci anni, non certo da sei mesi e cioè da quando siamo al governo. Però è opportuno distinguere le previsioni sul rallentamento globale dell’economia e le ricette suggerite. Saremmo dei matti se negassimo che l’economia globale stia rallentando. Questo riguarda moltissimi Paesi, come la Germania che è la locomotiva d’Europa e ovviamente l’Italia, che in questo momento è il vagone. Questo è un dato di fatto – continua – Tuttavia, sono le ricette che ci dividono da Confindustria e dall’Ocse, che sostanzialmente ci invitano a perseguire politiche che si sono rivelate sbagliate. L’Ocse in questo caso non ha parlato di austerità, ma ha concentrato la sua attenzione su quota 100 e in parte sul reddito di cittadinanza. La critica secondo cui col reddito di cittadinanza si rischia di favorire sacche di lavoro nero mi sembra un po’ debole. Queste sono argomentazioni ideologiche, non fattuali, non si basano su dati scientifici”.

Pellegrini osserva: “A me dispiace che alcuni organi di informazione non riportino il complesso delle nostre misure riguardanti gli investimenti. Noi col Proteggi Italia mettiamo in campo 11 miliardi di euro per la manutenzione delle infrastrutture e del territorio, sblocchiamo cantieri per 35 miliardi, Cassa Deposito e Prestiti sblocca investimenti per 111 miliardi. E ancora: 2,7 miliardi per gli Enti territoriali nel 2019, un miliardo per sbloccare l’avanzo di gestione dei Comuni nel triennio 2019-2021, 400 milioni per i piccoli Comuni, 500 milioni per i territori alluvionati. Insomma, tutto questo, unito alla semplificazione delle procedure di appalto e all’innalzamento del tetto per l’affidamento diretto da 40mila a 150mila euro, è un complesso di misure che, secondo noi, darà una sterzata notevole all’economia italiana”.

Il senatore si sofferma sulla figura del ministro Tria: “Credo che interpreti bene il ruolo di tranquillizzatore dei mercati. Ha un ruolo meno politico rispetto agli altri esponenti del governo, quindi, per il momento, va bene così. Non si è mai messo di traverso rispetto ai provvedimenti cardine del governo, anzi ha trovato spesso i fondi per metterli in pratica. Del resto, è notorio che la prima scelta del governo come ministro dell’Economia fosse Paolo Savona. Tria è stato caldeggiato dal presidente della Repubblica, è stata accolta la sua indicazione e quindi stiamo cercando di andare d’amore e d’accordo”.

Commento finale sulla commissione parlamentare d’inchiesta sulle banche: “Spero che sia guidata da Gianluigi Paragone, che veramente stimo molto. Da un certo punto di vista, capisco le preoccupazioni del presidente Mattarella, che sostanzialmente afferma che la commissione non debba sovrapporsi ad altri organismi. Non credo però che ci sia questo pericolo, né di invasione di campo altrui, né di sovrapposizione. E’ ovvio che ci sia l’esigenza di indagare, e bene, su tutto ciò che non ha funzionato in Bankitalia e Consob negli anni passati, il che ha causato per molti risparmiatori l’azzeramento dei propri risparmi. Penso che sia doveroso fare un approfondimento serio, che abbia poi un respiro di legislatura e quindi che non si faccia una commissione ‘burletta’ come quella della passata legislatura”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Revenge porn, opposizioni contro il M5s: “Cancellate attacchi sessisti dai social”. Baldelli (FI) legge gli insulti e si infuria

prev
Articolo Successivo

Pd, Zingaretti attacca: “Paese fermo, governo fa finta di nulla”. Ma resta il nodo salario minimo con Cgil, Cisl e Uil

next