Il governo dell’Arabia Saudita ha “intercettato”  il telefono di Jeff Bezos provando a far filtrate su alcuni tabloid informazioni private e foto hard. Questa l’accusa lanciata dal principale consulente sulla sicurezza dell’amministratore delegato e patron di Amazon, Gavin de Becker, sul sito del Daily Beast: “La nostra indagine è giunta alla conclusione, con la massima fiducia, che i sauditi hanno avuto accesso al telefono di Bezos e ottenuto informazioni private”.

Secondo De Becker, obiettivo di Riad sarebbe stato quello di colpire il Washington Post, di proprietà di Bezos: “Molti americani saranno sorpresi di apprendere che il governo saudita ha cercato di danneggiare Jeff Bezos dallo scorso ottobre, quando il Post ha iniziato il suo implacabile lavoro” sull’assassinio del giornalista saudita dissidente Jamal Khashoggi nel consolato saudita di Istanbul. Assassinio sul quale il Senato Usa sembra aver fatto luce: dopo un briefing a porte chiuse con la Cia, Mohammad Bin Salman (principe ereditario dell’Arabia Saudita) è stato designato come “responsabile” dell’omicidio di Khashoggi. L’investigatore – membro di una delle migliori società di protezione degli Usa – non ha tuttavia precisato i nomi dei responsabili del pirataggio fornendo pochi elementi sull’inchiesta che ha invece “inviato alle autorità federali“.

L’accusa tuttavia non si estende all’American Media Inc. Non è stato quindi provato che che il National Inquirer ottenne dai sauditi le foto osé di Bezos con la giornalista spagnola Lauren SanchezBezos aveva accusato l’Ami di “ricatto e estorsione” per aver minacciato di pubblicare le foto se De Becker avesse concluso nelle sue indagini che le informazioni pubblicate dal tabloid non fossero motivate politicamente o frutto di illecite intercettazioni elettroniche. La vicenda aveva anche toccato il presidente Trump, amico stretto dell’editore David Pecker, che aveva apostrofato più volte il Washington Post “nemico del popolo” e fonte di “fake news”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Turchia, alle comunali Erdogan rischia di perdere le grandi città: all’opposizione Ankara mentre Istanbul è contesa

next
Articolo Successivo

Libia, estradato in Italia Franco Giorgi, intermediario accusato di traffico d’armi. Bonafede: “Successo della cooperazione”

next