“Tre metri sopra il cielo”, il romanzo di Federico Moccia diventato libro cult di una generazione di adolescenti, diventerà una serie Netflix. Il colosso dello streaming ha annunciato infatti di essere al lavoro su un adattamento del libro che diventerà una serie young adult ambientata sulla costa Adriatica. Al posto di Step e Babi troveremo Ale e Sally: anche loro appartengono a due mondi diversi e si trovano uniti da una innegabile attrazione sullo sfondo di gare motociclistiche.

Questa non è la sola novità: in arrivo ci sono infatti anche una ambiziosa serie di genere con elementi soprannaturali intitolata “Curon” e l’acquisizione dei diritti audiovisivi di “Fedeltà“, il romanzo di Marco Missiroli candidato al Premio Strega. “Curon”, prodotta da Indiana Production, è scritta da Giovanni Galassi, Ivano Fachin e Tommaso Matano con la supervisione, come capo autore, di Ezio Abbate (che ha già lavorato alla scrittura di “Suburra”). Racconta di una madre che torna nel misterioso villaggio natale nel Nord Italia con i suoi figli adolescenti per scoprire che si può scappare dal proprio passato ma non da se stessi. “Fedeltà”, invece, (titolo provvisorio mutuato dal romanzo di Marco Missiroli candidato al 73° Premio Strega), sarà la storia, ambientata tra Milano e Rimini, di una giovane coppia e delle conseguenze deflagranti di un presunto tradimento. Una storia di fedeltà coniugale, che diventa anche soprattutto un simbolo della fedeltà verso se stessi e le proprie scelte.

“L’Italia è culla di grandi narratori e talenti straordinari e il nostro obiettivo è quello di trovare quelle voci uniche e locali che possano appassionare il nostro pubblico mondiale. Questa nuova serie di progetti, diversi l’uno dall’altro e girati in tutta Italia, testimonia il nostro profondo impegno nei confronti della comunità creativa italiana e della visione creativa dei partner con cui collaboriamo”, ha spiegato Kelly Luegenbiehl, vice president, original series per Europa ed Africa di Netflix.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fabrizio Corona festeggia il compleanno in carcere, i messaggi per i suoi 45 anni: “Avresti voluto festeggiare con tuo figlio”

prev
Articolo Successivo

Crozza si collega con Teletrogloditi, Tavecchio, Collovati, Ferrero e Vessicchio: “Non siamo sessisti”. Il risultato non è dei migliori

next