Diletta? Mi sta molto simpatica, l’ho conosciuta in radio e ci siamo viste anche fuori.  È un ‘prodotto commerciale’ di massa che piace a tutti, è una ragazza semplice non di nicchia”, ha detto Belen Rodriguez nel corso di un’intevista al settimanle Chi. La showgirl argentina è scesa in campo per difendere la Leotta dalle dure parole pronunciate da Paola Ferrari nei giorni scorsi: “Ho sempre pensato che bisogna imparare ad accettarsi e quindi trovo diseducativo che una ragazza decida di rifarsi il seno e il lato B. Lo dico come una sorella maggiore, e lo ripeto, è molto brava e ha tanta personalità. Forse senza quei ritocchi ci avrebbe messo più tempo per arrivare al successo, chissà”, aveva detto la conduttrice di 90° minuto in un’intervista al settimanale Oggi.

Ora la Rodriguez replica a tono: “Che problemi ha Paola Ferrari, che ce l’ha con tutti? Sono commenti infelici, dettati da un unico denominatore che si chiama invidia. Sa cosa le dico? Si andasse a ritoccare pure lei, vediamo se viene fuori bella come la Leotta! Basta anche con questo luogo comune che è sufficiente rifarsi per essere belli, se bastasse solo quello direi a tutti di andare dal chirurgo, saremmo tutti più felici”, ha concluso Belen.

Solo un difesa generosa della collega? Probabilmente si ma è opportuno ricordare che la Ferrari non ha risparmiato nemmeno la conduttrice di Colorado: “Lei la ammiro, perché più furbe non ne fanno! Io dovevo nascere così. Se riesci a portare a casa i soldi senza una goccia di talento, vuol dire che sei intelligente e brava. Che continui così, mi auguro che trovi l’uomo giusto e consiglio di mettere via più soldi possibili per aprirsi una fattoria”, aveva detto a Paola Perego nel programma Non Disturbare in onda su Rai1.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Il miglior rimedio per contrastare il #BlueMonday ???? @belenrodriguezreal #105takeaway

Un post condiviso da ?Diletta Leotta? (@dilettaleotta) in data:

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Chiede il divorzio dopo soli due mesi di matrimonio: “Mia moglie puzza, è una tortura”

prev
Articolo Successivo

Matteo Salvini parla per la prima volta del presunto flirt con Francesca Verdini, figlia di Denis

next