“Sono contenta per Ramy ma lo ius culturae, come lo chiamo io, non deve essere una concessione del ‘Principe’. “. Lo ha detto Emma Bonino, senatrice di + Europa, commentando la concessione della cittadinanza italiana al tredicenne Ramy, lo studente egiziano che durante il dirottamento dello scuolabus a Crema è riuscito a recuperare il cellulare e avvisare i soccorsi. Parlando con i giornalisti a margine della conferenza stampa organizzata con Italia in Comune ha ribadito che “la la cittadinazna non può essere un’elargizione del sovrano ai sudditi”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tav, la Regione Piemonte: “Ue finanzierà l’opera al 50%”. Salvini: “Ottima notizia”

next
Articolo Successivo

Crescita, Di Maio: “Preoccupazioni di Confindustria sono le nostre. L’epoca dei gufi era quella di Renzi”

next