La risposta a Luigi Di Maio e agli altri ministri M5s che dicevano di averlo convinto a concedere la cittadinanza italiana a Ramy Shehata e l’attacco alle opposizioni per quella che definisce una “battaglia politica” a suo dire giocata sulla pelle degli studenti di Crema. Matteo Salvini, dopo giorni di annunci e dietrofront, incontra i ragazzi della scuola media Valiati di Crema e i carabinieri intervenuti a San Donato Milanese per liberarli dopo il sequestro del bus da parte dell’autista. E sfrutta la situazione per rispondere all’alleato di governo e a chi ha criticato il suo balletto sullo Ius Soli e la concessione della cittadinanza al 13enne che ha chiamato i soccorsi

“Accolgo i consigli di tutti, ma in questo caso mi sono convinto da solo, prendendomi il tempo necessario per dire sì a ragion veduta e non a capocchia”, ha detto il ministro dell’Interno rispondendo alle parole del vicepremier Di Maio e del ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, che avevano esultato per averlo convinto a concedere la cittadinanza a Ramy, il 13enne di origini egiziane. Poi va all’attacco frontale delle opposizioni: “Ho avuto la disgustosa sensazione – accusa – che i ragazzini di Crema siano stati usati da qualcuno per fare battaglia politica”.

A chi chiedeva se la “esposizione mediatica” di Ramy e del compagno di classe Adam El Hamami, il 12enne nato da genitori marocchini, non sia stata “troppa” ha poi detto: “Chiedetelo a chi li ha usati in studio per fare audience e li ha usati come una bandiera politica, e non è qui oggi. Io apposta non li ho voluti qua in conferenza stampa, ho cercato di staccare la spina a una vicenda che avrebbe solo fatto male a loro”. Un riferimento chiaro anche a Fabio Fazio che li ha ospitati nella puntata della scorsa domenica di Che tempo che fa su Rai Uno.

di Alberto Sofia

“Spero – ha quindi aggiunto – che con oggi si chiuda un percorso di vita e mediatico che restituisca i bimbi alle loro scuole e alla loro famiglie, e i militari alla loro professione”. E sul dibattito riaccesosi attorno allo Ius Soli, Salvini ha tagliato corto: “Per il 99 per cento degli italiani la legge sulla cittadinanza funziona così come è, quindi il dibattito non esiste”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Violenza di genere, Boldrini: “Regressione culturale è entrata nei Tribunali”. E cita sentenze di femminicidi e stupri

next
Articolo Successivo

Silvio Berlusconi riscende in campo. E rispolvera le gigantografie sei per tre

next