Fu l’uomo che la sera dell’11 maggio 1960 alla periferia di Buenos Aires mise le mani su Adolf Eichmann, la SS responsabile tecnico della ‘Soluzione Finale’, lo sterminio di 6 milioni di ebrei. Sabato, a 93 anni, Rafi Eitan, leggendaria spia del Mossad, è morto. Il premier Benyamin Netanyahu l’ha definito “eroe di Israele”.

Nato a novembre del 1926 nel kibbutz di Ein Harod, nell’allora Palestina sotto Mandato britannico, Eitan era figlio di due sionisti russi emigrati nel paese tre anni prima. Tra i membri dell’Haganah, l’esercito clandestino ebraico, non ci mise molto a passare nel 1944 al ‘Palmach’, unità d’elite delle imprese impossibili guidato da Yitzhak Sadeh. Fu lì che conobbe il futuro premier Yitzhak Rabin: insieme aiutavano gli immigranti ebrei ad entrare nel Paese aggirando i divieti inglesi. O liberandoli dai campi di detenzione, come quello di Atlit, dove erano stati rinchiusi dall’esercito britannico.

Eitan era un uomo d’azione: non a caso il suo soprannome era ‘Rafi the stinker’ (Rafi il puzzolente) affibbiatogli nel 1946 quando aveva dovuto attraversare vari canali di scarico maleodoranti per far saltare ad Haifa il radar inglese sul Monte Carmelo che tracciava l’arrivo delle navi clandestine ebraiche. E fu lui ad essere scelto per guidare la squadra (12 persone) che – su ordine di Ben Gurion e la supervisione sul campo di Isser Harel, capo del Mossad di allora – avrebbe dovuto catturare e portare Eichmann in Israele.

Fu lui ad esempio a decidere di aspettare – al di là degli ordini ricevuti – l’arrivo di Eichmann che tardava il suo rientro a casa. Il 22 maggio, 11 giorni dopo i fatti di Calle Garibaldi, Eitan e la sua squadra atterrarono in Israele con un aereo dell’El Al: con loro c’era il tenente colonnello delle SS. Da allora non si contano le missioni di Eitan: tra queste la programmazione e la realizzazione del bombardamento del reattore nucleare iracheno di Osirak nel giugno del 1981. O l’operazione – quando già aveva lasciato il Mossad – che portò al reclutamento di Jonathan Pollard, un’analista della Marina Usa, che, prima di essere arrestato e condannato, passò ad Israele molti e importanti segreti militari americani.

Dopo un breve rientro nell’intelligence per volontà dell’allora premier Begin, Eitan scelse il settore privato e diventò anche consigliere del MI6 inglese per la questione nord-irlandese. Quindi la politica come ministro dal 2006 al 2009: in quel caso si occupò di far restituire le proprietà ebraiche rubate durante la Shoah.
Il direttore del Mossad, Yossi Cohen, ricordando Eitan ha ammesso che “la grande maggioranza delle sue operazioni non può essere pubblicizzata, ma queste hanno contribuito grandemente alla sicurezza di Israele”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Norvegia, la nave da crociera in avaria nel mare in tempesta: le immagini dell’evacuazione dei 1300 passeggeri

next
Articolo Successivo

Norvegia, a bordo della Viking Sky in balia delle onde tra pianoforti che si spostano e soffitti che crollano

next