Venerdì 22 marzo alle 22.45 su Nove ospite de “La Confessione” di Peter Gomez è il giornalista e conduttore televisivo Maurizio Costanzo. “Senta lei in un’intervista ha detto una cosa molto vera: ‘Dal ’93 la mafia non ha più fatto attentati‘. E’ noto che la mafia smette di sparare quando si trova un accordo”, dice il direttore de Ilfattoquotidiano.it. “Certo, evidentemente fa affari con pezzi deviati dello Stato”, risponde l’inventore del Maurizio Costanzo Show. “C’è stata anche una sentenza: che effetto le ha fatto leggere, una sentenza seppure provvisoria, che dice che la mafia in quel periodo trattava con pezzi dello Stato, o con lo Stato?”, chiede il giornalista in riferimento alla sentenza sulla Trattativa Stato-mafia, emessa il 20 aprile 2018 in primo grado. “Mh… Sì, non mi ha fatto piacere, che ti devo dire, però. Io sono convinto che se lo stragismo è finito è perché, evidentemente, la mafia non è finita, evidentemente qualche affare lo sta facendo. Come la camorra, queste cose sono connaturate a ‘sto paese”, risponde Costanzo. “Io voglio sapere di un altro suo sentimento: sempre in quella sentenza (Trattativa Stato-mafia, ndr) c’è scritto che Marcello Dell’Utri dopo essere stato condannato definitivamente per fatti di mafia (sette anni per concorso esterno in associazione mafiosa, ndr), è stato condannato in primo grado per essere, secondo i giudici, uno dei protagonisti della Trattativa. Che effetto le ha fatto leggerlo dopo averci lavorato insieme per tanti anni nella stessa azienda (Fininvest, ndr)?”, domanda il direttore di FqMillennium. “Un po’ impressione, poi io sono portato a pensare bene, in genere, poi so che lui è stato male, che sta male, insomma, un po’ impressione sì”, spiega il conduttore di tanti programmi in radio e  tv. “Un retro pensiero le è mai venuto? Chissà se sapeva?”, insiste Gomez. “No, no, no, no, no… Sì, me l’hanno detto in tanti , ci furono dei pentiti che dissero che etc etc, io ne parlai anche con il Presidente della Camera che era un ex magistrato, Luciano Violante, però non sono mai voluto andare a fondo, lasciamo perdere”, conclude il giornalista tv.

“La Confessione” (12 episodi per 30’) è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia ed è disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play). Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La Confessione (Nove), Guè Pequeno: “Dipendente da tutto tranne che dal gioco. Preferisco lo shopping compulsivo”

prev
Articolo Successivo

La Confessione (Nove), Gomez a Costanzo: “Berlusconi nel 94 le chiese un parere sulla politica?”. “Dissi ‘non ti voterò mai'”

next