Mario Ginatta è stato condannato con rito abbreviato a 8 mesi di carcere commutati in libertà controllata per un rapporto sessuale a pagamentp con una minorenne. Il figlio di Roberto – patron della Blutec, gruppo del settore automobilistico in amministrazione giudiziaria dopo l’arresto del padre Roberto e dell’amministratore delegato Cosimo di Cursi per una presunta truffa ai danni dello Stato – è stato coinvolto nell’inchiesta ‘Tacco 12’ su un presunto giro di ragazze immagine di alcuni club privè avviate alla prostituzione.

Ginatta era finito sulle pagine dei giornali anche una settimana fa perché il leader della Fiom siciliana Roberto Mastrosimone aveva raccontato che “l’ex presidente Roberto, in occasione del compleanno del figlio, aveva fatto realizzare alle tute blu un modellino della Ferrari“.

Con Ginatta sono stati condannati anche il suo ‘tuttofare’ Vincenzo Liello (un anno e 8 mesi) e il fidanzato di una delle giovani, che si è costituita parte civile, Michael Palumbo (4 anni e 8 mesi). Secondo l’accusa Liello accompagnava le escort agli incontri, mentre Palumbo sfruttava la sua fidanzata facendola prostituire.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Strage di Bologna, la procura generale vuole indagare su Paolo Bellini: chiesta la revoca del proscioglimento

prev
Articolo Successivo

Glifosato, un’altra battaglia vinta sul Roundup. Ma l’Europa non ha facilitato le cose

next