Belen Rodriguez parla per la prima volta del riavvicinamento al suo ex, Stefano De Martino e per farlo sceglie il salotto di Verissimo. Nella puntata in onda domani sabato 23 marzo, la showgirl racconta a Silvia Toffanin: “Sono questioni delicate e c’è una famiglia di mezzo con un bambino. Se parlo e dico delle cose che poi non si avverano faccio delle brutte figure. Ci vado molto piano perché sono maturata, una volta raccontavo tutto, perché ero giovane e più inconsapevole. Io – prosegue – ce la metto tutta e faccio quello che mi dice il cuore. Ho provato a voltare pagina e costruire un’altra famiglia, ma non me la sono sentita. Anche se non sembra non mi piace fare figli con genitori diversi, quindi vediamo”. A ispirarla, dice, sono i suoi genitori che stanno insieme da una vita.

E non manca un commento sullo sfogo sui social sul caso Riccardo Fogli-Fabrizio Corona all’Isola dei Famosi (Belen aveva mandato un messaggio a Fabrizio Corona, ndr): “In quel messaggio non parlavo neanche di Fabrizio. Mi riferivo al meccanismo del gioco, mi sono messa a piangere mentre lo guardavo. Va bene tutto, faccio parte del mondo della televisione e capisco cosa ci vuole per catturare l’attenzione del pubblico, ma non accetto più che si giochi con la vita delle persone, soprattutto di una certa età: ho temuto per lui. Il mio messaggio non era indirizzato a Corona, semplicemente perché ormai non mi stupisco più di quando Fabrizio fa questo tipo di cose”.

E il rapporto con l’ex re dei paparazzi com’è? “Sono coerente e ripeto sempre la stessa cosa: voglio bene a Fabrizio, soltanto che è irrecuperabile. E mi dispiace perché penso che noi esseri umani dobbiamo sempre cercare la versione migliore di noi stessi. Quando smetti di farlo, inneschi un meccanismo nella tua mente che non ti fa bene e sei finito, perché non cresci”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sesso per cinque ore di fila e droga: 32enne muore di infarto davanti al partner

prev
Articolo Successivo

Topolino vs Zingaretti & Co. Tito Faraci: “La sinistra ha spesso snobbato il divertimento in sé”

next