Dopo sospensioni, proteste con tanto di cartelli‘bunga bunga’ urlati e gesti delle manette in Senato, sono state respinte le due mozioni di sfiducia di Pd e Forza Italia presentate contro il ministro delle Infrastrutture e Trasporti Danilo Toninelli.

I sì alla mozione Pd sono stati 102, 159 i contrari, 19 gli astenuti. I senatori presenti erano 283, i votanti 280, la maggioranza era fissata a 131 voti. A favore del documento ha votato anche l’ex M5S Gregorio De Falco. I senatori di Fratelli d’Italia si sono astenuti. Simili i numeri per il no alla sfiducia firmata da Forza Italia: 110 voti a favore, 157 i contrari, 5 gli astenuti.

Non ha partecipato ai voti il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, impegnato in Basilicata per la campagna elettorale. Assente anche Matteo Renzi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sfiducia Toninelli, Casellati richiama Marcucci (Pd) sui tempi. Lui: “Mi lasci terminare, è da ieri che ci tortura”

next
Articolo Successivo

Bus incendiato a Milano, Di Maio: “Ha rischiato la vita per i compagni, diamogli la cittadinanza”. Il Viminale verso il sì

next