Del voto per le provinciali in Olanda può importare davvero ben poco, primo perché le province olandesi contano meno di quelle italiane, secondo perché i primi ai quali non può importare di meno sono proprio gli olandesi. Eppure queste elezioni rimarranno nella storia (non solo olandese) per il significato politico che hanno assunto e per le conseguenze che potranno avere in Europa.

Dimenticate Geert Wilders, il Pvv e la sua paranoie crociata contro l’islam: quello è il passato, quel populismo appartiene al passato. Forum voor Democratie e il suo leader sono il populismo 2.0

Da Afd, alla Lega, al Fronte Nazionale e ai partiti populisti-nazionalisti dell’est Europa negli ultimi anni ne abbiamo viste diverse di metamorfosi politiche di quel miscuglio tra rabbia, patacche complottiste, nazionalismo, conservatorismo e odio per l’establishment ma Forum voor Democratie è qualcosa di inedito.

Thierry Baudet, il leader, è un accademico ed editorialista di 36 anni, un intellettuale dalla faccia pulita, l’abito ben inamidato e la lingua lunghissima. Rispetto a Salvini, Le Pen o Wilders non punta solo a vincere la partita quotidiana a colpi di Tweet contro “gli immigrati o il perbenismo”, no, lui va oltre: a lui interessa vincere la guerra ideologica con l’”establishment” (il partij kartel, cartello dei partiti come lo chiama lui) e con il politically correct

Se le formazioni sovraniste-populiste hanno tutte in comune l’ossessione con l’uomo forte e con gli immigrati, per Baudet le questioni sono centrali ma meno esposte: il suo obiettivo non sono certo i poveri ma i moderati “radicalizzati”, la classe media impaurita dalla cronaca e dal timore di diventare povera.

Forum voor Democratie, insomma, spinge per una versione normalizzata delle posizioni anti-Ue, anti-immigrazione, del sessismo, dell’omofobia, del suprematismo e dell’ultra-liberismo, non a caso il partito ha indicato che dopo le Europee i suoi parlamentari siederanno tra i Conservatives a rimarcare la distanza dall’estrema destra.

Wilders, insomma, è tra coloro che hanno sdoganato il populismo in Europa nei primi anni 2000 mentre Baudet, un decennio dopo, “takes it to the next level” cercando di normalizzarlo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Israele, lo spot elettorale della ministra della giustizia che si spruzza il profumo ‘Fascism’: “Per me odora di democrazia”

prev
Articolo Successivo

Elezioni Olanda, i populisti di Thierry Baudet entrano per la 1ª volta al Senato La coalizione di Rutte perde maggioranza

next