4. Saga, di Brian K. Vaughan e Fiona Staples

Cosa significa dare vita a un figlio in un mondo ostile, perennemente in guerra a causa delle proprie differenze etniche, religiose e culturali, specie se i genitori appartengono a specie diverse? È la domanda che si pone Saga (2012) di Brian K. Vaughan e Fiona Staples, un’epopea famigliare a metà tra incanto fiabesco classico, cinismo post-moderno e battaglie intergalattiche. L’idealista Marko e la disillusa Alana dovranno cercare uno spazio sicuro per la loro bimba Hazel, in un mondo sanguinario e malato in cui il potere sfrutta le divisioni sociali per i propri interessi. 

Saga è Romeo e Giulietta che incontra Star Wars e lo trasporta in quella fase cronologica della Bibbia in cui Giuseppe e Maria fuggono dalle persecuzioni di Erode. Capolavoro sia narrativo che grafico denso di avventura, sentimento, attualità e humor caustico.

INDIETRO

Cinque fumetti a cui è assurdo che non abbiano già dedicato una serie

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il culto della Grande Madre esiste da sempre. Ma il suo mistero si perde nel tempo

next
Articolo Successivo

Misteri italiani un po’ meno misteriosi: dalla P2 alle stragi, il racconto-inchiesta di Giuliano Turone (a misura di millennial)

next