1. Planetary, di Warren Ellis e John Cassaday

“È un mondo strano. Facciamo in modo che rimanga così”. Edito dalla Wildstorm tra il 1998 e il 2009, Planetary è il viaggio fantastico di tre agenti segreti che si definiscono “archeologi dell’impossibile”, alla scoperta della storia segreta del Pianeta Terra. È Jules Verne che incontra Ian Fleming in una veste estetica pop. Ogni episodio della serie è infatti ricco di riferimenti e omaggi alle figure cardine della narrativa classica d’avventura (compaiono versioni alternative di James Bond, Tarzan, Fu Manchu e Godzilla, così come di personaggi Marvel e DC) e ogni volta l’azione è incentrata sulle atmosfere più varie, dalle pulp fiction anni 30 ai viaggi interdimensionali, passando per il mondo dei Kaiju

Planetary: 1

Prezzo: 17.94€

Acquista su Amazon

L’obiettivo principale dei tre protagonisti è quello di proteggere le stranezze del pianeta e i suoi segreti più antichi da chi vorrebbe impadronirsene per i propri scopi egoistici. Planetary è una dichiarazione d’amore alla fiction del 20esimo secolo, è un viaggio al centro della Terra ma anche attorno alla sua orbita, che si serve della fantascienza per esplorare i confini etici del rapporto tra mistero, tecnologia e scoperta.

INDIETRO

Cinque fumetti a cui è assurdo che non abbiano già dedicato una serie

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il culto della Grande Madre esiste da sempre. Ma il suo mistero si perde nel tempo

next
Articolo Successivo

Misteri italiani un po’ meno misteriosi: dalla P2 alle stragi, il racconto-inchiesta di Giuliano Turone (a misura di millennial)

next