Il successo di serie come The Umbrella Academy, trionfo di stranezze apocalittiche ispirato al fumetto di Gerard Way e Gabriel Ba, dimostra come si possano ottenere prodotti televisivi interessanti attingendo a una narrativa fumettistica non strettamente legata ai supereroi. I mezzi filmici contemporanei, uniti ai budget di colossi quali Netlix & Co. permettono di restituire dignità formale e testuale a storie che nel medium originale si discostano dalla realtà in maniera significativa, pur mantenendo le stesse suggestioni simboliche e lo stesso potenziale di intrattenimento.

A conferma di questa tendenza sono già in lavorazione, o in dirittura d’arrivo, saghe televisive ispirate a capolavori di carta quali Y, the last man di Brian K. Vaughan e The Invisibles di Grant Morrison (opera che nel 1999 ispirò a sua volta i fratelli Wachowski a realizzare il primo Matrix), di cui vi parleremo più in avanti.

Di seguito altri cinque esempi che ritengo suggestivi ai fini di una trasposizione seriale.

Cinque fumetti a cui è assurdo che non abbiano già dedicato una serie

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il culto della Grande Madre esiste da sempre. Ma il suo mistero si perde nel tempo

next
Articolo Successivo

Misteri italiani un po’ meno misteriosi: dalla P2 alle stragi, il racconto-inchiesta di Giuliano Turone (a misura di millennial)

next