Ogni puntata di Domenica In, con Mara Venier, è imprevedibile. L’ultima ha visto Pif tra gli ospiti. Quella che altrove sarebbe stata una classica (e forse noiosa) intervista promozionale per il film Momenti di trascurabile felicità, nel salotto di Rai1 è diventata un’occasione spassosa per fare spettacolo. Accolto con un ballo, la conduttrice ha colto l’occasione per sgridare l’attore, reo di essere troppo rigido e “goffo”. “Sei troppo rigido amore, ma anche con la tua morosa fai così?”, gli ha chiesto. Al che Pif ha scherzato: “Piaccio alle donne perché sono imbranato, ma poi non ho successo con loro… perché sono imbranato. Una ex mi ha detto: ‘Quando baci fai schifo’, poi ha aggiunto altre cose che non dico perché mia madre sta guardando”.

E’ nato proprio così il siparietto del bacio a stampo, che Mara e Pierfrancesco Diliberto si sono scambiati per testare le sue capacità e mostrare al pubblico il cosiddetto “bacio cinematografico” (senza lingua, insomma). “Hanno ragione le ex, sei proprio de legno”, ha quindi confermato la conduttrice, tra le risate del pubblico. Subito dopo, zia Mara si è preoccupata del marito Nicola Carraro, che stava guardando la trasmissione da Santo Domingo: “Nicola, non essere geloso… Stanotte non dormirò. Nicola non essere geloso se con gli altri ballo il twist”. Pif, sempre con la solita ironia che lo contraddistingue, ha anche confermato di essere single: “Mara, se sei libera stasera… Diciamolo a tutti, visto che va di moda denunciare i tradimenti in TV”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Addio Conchita Wurst, Tom Neuwirth (questo il suo vero nome) cambia tutto

next