Apple ha presentato ufficialmente il nuovo iPad Air da 10,5 pollici e l’iPad Mini di quinta generazione. I due prodotti sono già disponibili, in vendita con prezzi che partono rispettivamente da 569 e 459 euro. Per tutti e due i modelli lo spazio di archiviazione interno è di 64 o 256 Gigabyte e la connettività di rete è Wi-Fi oppure Wi-Fi +LTE.

La novità più interessante riguarda l’iPad Air. Diventa più grande, con uno schermo da 10,5 pollici invece dei 9,7 pollici del predecessore. Lo schermo Retina ha una risoluzione di 2.224 x 1.668 pixel ed è compatibile con la penna Apple Pencil. L’elemento di novità riguarda il processore A12 Bionic, lo stesso che è installato negli smartphone iPhone XS, XS Max e XR.

Non cambia invece la linea sottile e leggera a cui l’iPad Air ci ha abituati. Lo spessore è di 6,1 mm e il peso è di 456 grammi per la versione solo Wi-Fi. Quella con connettività LTE arriva a 464 grammi. Volendo si può usare in abbinamento alla Smart Keyboard.

Il design è quello tipico degli iPad, rispetto ai quali ci sono solo cornici un po’ più ridotte, anche se restano più pronunciate rispetto agli ultimi iPad Pro. Non è presente il Face ID, ossia il sistema di riconoscimento facciale: per accedere al sistema bisogna usare il pulsante fisico frontale che, oltre a funzionare come tasto Home, integra il Touch ID per il riconoscimento delle impronte digitali.

Presenti all’appello anche il connettore proprietario Lightning e la presa jack per le cuffie. Sul fronte della fotografia troviamo un sensore frontale da 7 Megapixel e uno posteriore da 8 Megapixel senza flash. Chi intende acquistarlo potrà scegliere fra tre colorazioni e due allestimenti: argento, grigio e oro, con spazio di archiviazione interno da 64 Gigabyte o 256 Gigabyte, non espandibili. Le consegne inizieranno il 5 aprile.

iPad Mini

Il nuovo iPad mini ricalca in buona parte la scheda tecnica del nuovo iPad Air, in dimensioni compatte. Lo schermo ha una diagonale utile di 7,9 pollici e risoluzione di 2.048 x 1.536 pixel. Identici il processore A12 Bionic, la compatibilità con la penna Apple Pencil, cornici ridotte e mancanza del Face ID. Anche in questo caso ritroviamo poi il connettore Lightning, che non lascia il posto a quello USB-C universale che sarebbe stato più gradito. Non ci sono differenze da segnalare nemmeno sul fronte del comparto fotografico, dove troviamo una dotazione identica a quella dell’iPad Air.

Sono inferiori i dati di dimensioni e peso: in questo caso troviamo uno spessore di 6,1 mm a fronte di un peso di 300,5 grammi per il modello solo Wi-Fi, e di 308,2 grammi per quello con connettività LTE. I prezzi partono da 459 euro e possono toccare i 769 euro per la variante con 256 Gigabyte di spazio di archiviazione e connettività LTE.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Successivo

Reynor, il presente ed il futuro dell’eSport italiano

next