Insulti, urla, minacce e botte a bambini di prima elementare. Due maestre di una scuola primaria di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, sono accusate di maltrattamenti nei confronti di alcuni alunni. Per questo i carabinieri della compagnia di Tropea hanno eseguito mercoledì 13 marzo l’ordinanza cautelare dell’obbligo di dimora nei rispettivi Comuni di residenza nei confronti di due insegnanti, di 65 e 51 anni.

Secondo le indagini, condotte dai militari della stazione di Zungri, piccolo centro di circa duemila abitanti, le donne sono accusate di aver esercitato sui bambini violenza psicologica ma anche fisica: insulti, minacce, urla e percosse posti sistematicamente in essere nei confronti di alcuni piccoli alunni, in un contesto generale di intimidazione e soggezione.

Le indagini sono partite dopo le dichiarazioni di alcune madri. Il provvedimento cautelare è stato emesso dal gip di Vibo Valentia su richiesta della procura locale, che ha concordato con le evidenze investigative riportate dai carabinieri.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pedofilia, il cardinale George Pell condannato a 6 anni: “Abusi umilianti”. Una macchia sul pontificato di Bergoglio

next
Articolo Successivo

Via della Seta, ecco perché guardo con favore all’apertura dell’Italia alla Cina

next