Insulti, urla, minacce e botte a bambini di prima elementare. Due maestre di una scuola primaria di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, sono accusate di maltrattamenti nei confronti di alcuni alunni. Per questo i carabinieri della compagnia di Tropea hanno eseguito mercoledì 13 marzo l’ordinanza cautelare dell’obbligo di dimora nei rispettivi Comuni di residenza nei confronti di due insegnanti, di 65 e 51 anni.

Secondo le indagini, condotte dai militari della stazione di Zungri, piccolo centro di circa duemila abitanti, le donne sono accusate di aver esercitato sui bambini violenza psicologica ma anche fisica: insulti, minacce, urla e percosse posti sistematicamente in essere nei confronti di alcuni piccoli alunni, in un contesto generale di intimidazione e soggezione.

Le indagini sono partite dopo le dichiarazioni di alcune madri. Il provvedimento cautelare è stato emesso dal gip di Vibo Valentia su richiesta della procura locale, che ha concordato con le evidenze investigative riportate dai carabinieri.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pedofilia, il cardinale George Pell condannato a 6 anni: “Abusi umilianti”. Una macchia sul pontificato di Bergoglio

prev
Articolo Successivo

Via della Seta, ecco perché guardo con favore all’apertura dell’Italia alla Cina

next