Grazie a Dio ora comincia un nuovo capitolo“.  Così Lele Spedicato, il chitarrista dei Negramaro colpito da un’emorragia celebrare nel settembre scorso, ha voluto annunciare a tutti i suoi fan la fine del percorso di riabilitazione che ha fatto dopo l’intervento d’urgenza a cui si è dovuto sottoporre. Con un post su Facebook, ha ringraziato tutti per il grande sostegno che gli hanno dimostrato in questi cinque mesi “intensi, duri e a volte bui”.

“Si chiude oggi questa lunga trasferta romana”, ha scritto Lele Spedicato pubblicando una sua foto assieme a tutto il team medico che si è occupato di lui in questi mesi. “Sono stati cinque mesi incredibili, intensi, duri e a volte bui ma con un equilibrato lavoro di squadra siamo riusciti a raggiungere il traguardo. Grazie ai grandi professionisti della Fondazione Santa Lucia IRCCS e tutti coloro che hanno contribuito al mio recupero”. Può partire ora il conto alla rovescia per rivederlo sul palco al fianco di Giuliano Sangiorgi e di tutta la band salentina: Spedicato ha già aperto simbolicamente il tour della band a Rimini lo scorso 14 febbraio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Nadia Toffa è morta” ma è una fake news. Ecco come risponde la conduttrice

prev
Articolo Successivo

Corrado Guzzanti rivela: “Truffato dal mio amico, un buco da quasi un milione di euro. Andavo avanti a scatolette di tonno”

next