Ha bussato alla porta del parente e quando si è affacciato gli ha sparato alla testa con una pistola, uccidendolo. Questa la ricostruzione di quanto successo nel pomeriggio di venerdì a Isola Capo Rizzuto, in provincia di Crotone, dove è stato arrestato un 16enne che al termine di un lungo interrogatorio ha confessato l’omicidio. All’origine del gesto, fa sapere l’Ansa, alcuni dissidi familiari di natura economica che andavano avanti da anni. La vittima, Giuseppe Caterisano, è un imprenditore di 67 anni.

Già nella notte i carabinieri avevano sottoposto il giovane, nipote del 67enne, al test dello stub per verificare, attraverso accertamenti tecnico-scientifici, se vi fossero su di lui tracce di residui di sparo. Poi, sabato mattina i militari della tenenza di Isola Capo Rizzuto, con il supporto di quelli del comando provinciale di Crotone, lo hanno arrestato.

Mentre era in caserma, poco prima delle 7 di mattina il ragazzo ha rivelato di essere l’autore dell’omicidio, facendo anche ritrovare la presunta arma del delitto, una pistola automatica calibro 9 senza matricola. Maria Rita Tartaglia, sostituto della procura per i minorenni di Catanzaro, ha disposto per il 16enne il trasferimento al centro di prima accoglienza per minorenni del capoluogo calabrese. Tra la vittima e i suoi fratelli, a quanto si apprende, vi sarebbero state frequenti discussioni che andavano avanti da almeno sette anni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Femminicidio per “tempesta emotiva”, l’uomo condannato tenta il suicidio

prev
Articolo Successivo

La Spezia, sparatoria in centro: ucciso un ristoratore. Si costituisce un sottufficiale dell’Aeronautica

next