Quando un utente Facebook muore, il suo profilo social resta attivo anche senza di lui. Da tempo esistono i profili commemorativi ma negli Stati Uniti sta arrivando un nuovo modo per rendere omaggio ad amici e partenti defunti, che in vita avevano un profilo attivo sul social network. Finora l’unica soluzione era, appunto, quella di trasformare le pagine in profili commemorativi, in cui i messaggi di cordoglio appaiono sulla timeline di un utente deceduto. Negli USA è in arrivo la nuova sezione “tribute” (in italiano omaggio, tributo), che ha una differenza sostanziale: i messaggi indirizzati agli utenti passati a miglior vita saranno racchiusi alla sezione Tribute, quindi non appariranno più nella timeline del profilo.

Fote: Depositphotos

 

L’apposita pagina del Centro assistenza di Facebook presenta la nuova funzione Tribute come “uno spazio sui profili commemorativi in ​​cui amici e familiari possono pubblicare storie, commemorare un compleanno, condividere ricordi e altro ancora”. In Italia questa pagina non è accessibile perché la funzione non è stata ancora attivata e Oltreoceano è in rollout, ossia è in fase di attivazione ma non tutti possono già beneficiarne. Comunque, sarà visibile solo per coloro che hanno precedentemente impostato le disposizioni per la gestione dell’account dopo il proprio decesso.

Come riportano le fonti statunitensi, con l’introduzione della novità Tribute, “a seconda delle impostazioni sulla privacy di un utente defunto, gli amici potranno ancora pubblicare post sulla sua timeline, inclusi i commenti a post scritti dalla persona prima della morte. Se un l’account però ha una sezione Tribute, i post fatti dopo il giorno della sua morte verranno collocati in questa nuova posizione.

Non cambia nulla riguardo agli utenti autorizzati a gestire il profilo del defunto (nominati dal proprietario prima del decesso, o in possesso dei requisiti per poter gestire l’account della persona che non c’è più), e hanno un po’ di potere in più rispetto a prima. Per esempio, possono decidere chi può vedere e pubblicare messaggi nell’area “tribute”, possono vedere i post in cui è taggata la persona deceduta, e rimuovere i tag. Continueranno però a non poter rimuovere qualcuno dagli amici del defunto o fare nuove richieste di amicizia.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Odio online, sei proposte per arginare il fenomeno

next
Articolo Successivo

Fra cuffie e smartwatch, i dispositivi indossabili sono sempre più irresistibili

next