Ha lasciato un’offerta alla Caritas, specificando su un biglietto che era per gli “italiani in primis” e “gli stranieri per ultimi“, ma il parroco non ha gradito e lo ha invitato a riprendersela. È successo a Mira, in provincia di Venezia. “Slogan che non hanno niente a che fare con la fede”, ha replicato stizzito don Gino Cicutto, a capo della collaborazione pastorale di San Nicolò e San Marco nel Comune della Riviera del Brenta, sul foglio parrocchiale che ospita i suoi ‘appunti’ settimanali.

La busta, depositata nella cassetta dell’organismo pastorale della Cei, riportava le condizioni scritte dal donante: “Pro anziani, malati, al freddo o alla fame, italiani da sempre, in primis! Gli stranieri per ultimi!”. È stato don Cicutto a rivelare il fatto, mostrandosi contrariato per il gesto: “Quanto era scritto sulla busta – scrive il parroco – mi ha profondamente amareggiato e umiliato. Queste parole ripropongono slogan che siamo abituati a sentire, ma non hanno niente a che fare con la fede e la vita cristiana che considera i più poveri tra i primi, senza guardare il colore della pelle o la provenienza”, sottolinea.

Secondo don Gino “la persona che ha scritto queste parole deve interrogarsi seriamente sul suo essere cristiano, e se non è d’accordo su quello che è la vera carità, può passare per la canonica a riprendersi la sua offerta; eventualmente può consegnarla a chi la pensa come lui – conclude – ma non deporla davanti al Signore”. Interpellato poi dal Corriere del Veneto, don Gino ha fatto sapere che l’autore della donazione non si è ancora palesato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Papa Francesco apre gli archivi segreti su Pio XII: “La sua prudenza scambiata per reticenza. La Chiesa non teme la Storia”

next
Articolo Successivo

Olbia, avvistato uno squalo elefante nella Baia di Sant’anna. L’incontro ravvicinato in un video della Guardia costiera

next