Torna venerdì 1 marzo alle 22.45 su Nove la nuova stagione de ‘La Confessione’. Ospite del giornalista Peter Gomez è Lory Del Santo, diventata nota negli anni ’80 con “Drive in” di Antonio Ricci e nota alla cronaca rosa per le sue numerose relazioni con uomini potenti del mondo dello spettacolo e dell’imprenditoria, da Adnan Khashoggi a Eric Clapton, da Gianni Agnelli a Donald Trump. Il direttore de ilfattoquotidiano.it affronta la relazione fra sesso, potere e carriera. “E’ giusto o sbagliato concedersi sessualmente per fare carriera?”, chiede alla ex showgirl. “Io non trovo che ci sia niente di sbagliato se effettivamente porta a qualcosa – spiega l’ex concorrente dell’ultimo “Grande Fratello Vip” – Il dramma è farlo e poi non riuscire a ottenere ciò che si vuole perché uno accumula una rabbia che poi magari distrugge nel tempo”. Si passa poi al tema delle molestie: “Lei ha subito avance pesanti nella sua vita?”, domanda il conduttore. La soubrette ammette: “Ci sono delle persone che mi hanno fatto intendere che avrebbero voluto stare con me: potenti del cinema – precisa -, ma non mi hanno offerto niente in cambio. Era come dire che già dovevi essere onorata di andare con loro…”. Un esempio? “Mi è successo con registi, produttori, ad esempio Sergio Leone, ma lui me l’ha proposto prima ancora di dirmi: “Ti farò fare una parte”, racconta l’attrice che prosegue spiegando di non aver ricevuto alcun ingaggio: “Non mi aveva promesso niente, quindi io ho detto: ‘Scusa, vado con uno, e non mi ha promesso niente?’ Quindi ho detto di no. Io ho detto, no, l’importante è poter dire no”.

“La Confessione” (12 episodi per 30’) è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia ed è disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play). Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Eretici, su Loft il programma di Montanari sui “sovversivi” del pensiero: “Socrate il primo esempio della storia”

prev
Articolo Successivo

La Confessione, Gomez: “Come è iniziata la sua relazione con Gianni Agnelli?” Lory Del Santo: “Mi ha fatto chiamare e l’ho trovato su un letto gigantesco”

next