“C’è una differenza tra il mio caso e quello di Di Maio e di Di Battista. A prescindere dalla responsabilità dei loro genitori, quello che conta è la responsabilità di Di Maio e Di Battista in prima persona, perché Di Battista era amministratore della società del padre e Di Maio proprietario della società del padre. A me non interessano i genitori, ma loro”. Così, a Dimartedì (La7), l’ex ministro Maria Elena Boschi risponde a una domanda del conduttore Giovanni Floris circa le differenze tra il suo caso e quello dei due politici M5s.
E aggiunge: “Mio padre per tre anni è stato massacrato più o meno su tutti i social network, da alcuni giornali e in taluni talk show. Oggi c’è un’archiviazione, cioè mio padre non è andato proprio a processo perché non ha fatto niente. E non se ne parla, se non forse in qualche trafiletto in fondo ai giornali, mentre negli anni precedenti si è fatto un grande clamore”.
Floris obietta che in discussione era il conflitto di interessi per il suo ruolo da ministro, ma la parlamentare replica: “No, guardi, il problema ha riguardato mio padre per tre anni e lo sa bene anche lei, perché le telecamere anche di questa rete lo seguivano quando era col cane, quando era in chiesa, quando faceva la spesa per mesi e mesi. Quindi, hanno riguardato lui. Dopodiché, se è risultato che non è responsabile mio padre, non c’è stato problema neppure per me”.
Nel finale, l’ex ministro del governo Renzi si rende protagonista di un’accesa polemica sulla questione delle banche con la sottosegretaria leghista ai Beni Culturali, Lucia Borgonzoni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Emma Marrone, Sallusti vs Telese: “Suoi fan non sono per gambe aperte ma per porti chiusi. Lei vive in mondo dorato”

next
Articolo Successivo

Bersani: “C’è gente che vuole fare un partito di sinistra senza la sinistra”. E sul M5s: “Non vede la mucca nel corridoio”

next