Sarà Pasquale Tridico, l’economista considerato “padre” del reddito di cittadinanza e a cui Luigi Di Maio aveva offerto il ministero del Lavoro, a guidare l’Inps post Boeri. Il mandato del bocconiano nominato nel 2014 da Matteo Renzi è scaduto sabato scorso e ieri il vicepremier Luigi D Maio ha firmato la nomina ufficializzando la scelta dell’economista come commissario in attesa della riforma della governance dell’istituto, al cui vertice il decretone prevede che ritorni un cda di cinque componenti. Tridico dunque sarà presidente ma non sarà più “solo al comando” come è stato finora Boeri.

Come subcommissario e probabile futuro vicepresidente è stato scelto Francesco Verbaro, già segretario generale del ministero del Lavoro e poi consigliere giuridico dell’allora ministro Maurizio Sacconi durante il quarto governo Berlusconi. Tramontata l’ipotesi di un ritorno all’Inps dell’ex dg Mauro Nori, ora alla Corte dei Conti, su cui la Lega aveva puntato per la presidenza: ha fatto sapere di non essere interessato alla poltrona di vice e per lui è sfumato anche il ruolo di direttore generale.

Tridico, 43enne docente di Politica economica all’Università di Roma Tre, oggi è consigliere di Di Maio, che un anno fa lo aveva designato come ministro del Lavoro di un eventuale governo M5s. Sostenitore della reintroduzione dell’articolo 18, dopo la formazione dell’esecutivo gialloverde si sfilò spiegando: “Non ce l’avrei fatta né a fare un governo con la Lega, né ad accettare che dei cavalli di battaglia del Movimento, come restituire la dignità ai lavoratori, non fossero nel programma”. In compenso ha continuato ad affiancare di Di Maio nella messa a punto del provvedimento sul reddito di cittadinanza, di cui ha scritto la relazione tecnica basata sulla sua teoria in base alla quale il sussidio porterà gli inattivi a ingrossare le file dei disoccupati e questo consentirà al governo di fare deficit aggiuntivo non soggetto ai paletti della Commissione europea.

Per mettere in campo tutti i provvedimenti necessari per fare partire il reddito e quota 100 il tempo stringe e l’operatività dell’Inps è centrale: dal 6 marzo sarà possibile fare la richiesta e dal primo aprile saranno liquidati i primi assegni ai pensionati con il nuovo meccanismo di uscita.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Investimenti, ok a decreti su interventi antidissesto e cabine di regia per opere. Piano di Toninelli per le infrastrutture

prev
Articolo Successivo

Ue, Tria sul Fiscal compact: “Rivedere regole, non consentono interventi anti-crisi. Crescita? Rallentamento per tutti”

next