Dice di non avere “mai commentato una vicenda giudiziaria” e di non volerlo fare neanche adesso, “ma in linea generale senza entrare nel merito da ministro respingo l’idea che ci sia un sistema giudiziario che si muove a orologeria. Dire questo è da irresponsabili “. Il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, a margine di un’audizione in commissione rifiuti, risponde così a chi gli chiede un commento su chi ha invocato una giustizia a orologeria per le indagini hanno portato agli arresti domiciliari i genitori di Matteo Renzi. Già ieri l’ex premier aveva parlato di “capolavoro mediatico” che aveva oscurato il caso del voto del Movimento 5 Stelle sulla Diciotti e l’autorizzazione a procedere nei confronti di Salvini, ma oggi a parlare esplicitamente in questi termini del provvedimento giudiziario sono i renziani. “È giustizia ad orologeria, nel governo sanno usare il potere, Bonafede non è così naif come sembra, siamo ad una deriva pericolosa”, si sfogano tra loro arrivando in alcuni casi, come Michele Anzaldi, a denunce pubbliche. Che su twitter scrive: “È normale che alle otto di sera, nelle ore in cui il Governo rischia di cadere, si proceda ad arrestare i genitori dell’ex premier (principale leader di opposizione), settantenni incensurati, per vicende che risalirebbero ad alcuni anni fa? Che giustizia è? Forza Matteo Renzi“.

I fedelissimi dell’ex premier sono sotto choc in un Pd dove la solidarietà del resto del partito non si spreca a parte qualche stringato tweet. “Beh, è chiaro che l’obiettivo è anche politico: ripulire il Pd da Renzi e avviarlo ad un’altra stagione”, è la lettura dei fedelissimi che però negano che l’ex premier fosse in procinto di fondare un suo partito dopo le primarie e che il progetto, vista la vicenda dei genitori, sia saltato. Tra i fedelissimi, arriva la solidarietà esplicita di Alessia Morani che su Twitter scrive: “Con te @matteorenzi sempre. Anzi, sempre di più. La verità arriva, dobbiamo avere la pazienza di aspettarla. Andiamo avanti a testa alta, senza paura”. Accusa indirettamente i 5 Stelle invece Anna Ascani: “Assoluta vicinanza a Matteo Renzi. Credo nella giustizia, come lui. Ma credo anche che non riuscirete a mettere in moto una macchina del fango sufficiente a coprire la porcata che avete appena fatto per salvare Salvini dal processo, attraverso la Piattaforma Rousseau. Ci state provando, ma non ci riuscirete. Questa vergogna vi resterà addosso e vi travolgerà”.

Per Debora Serracchiani invece “a leggere le carte del procedimento nei confronti di Tiziano e Laura Renzi si resta stupiti dall’uso disinvolto della misura restrittiva della libertà personale per fatti risalenti a quasi dieci anni fa. #siamotuttiMatteoRenzi”. Il deputato Luciano Nobili parla invece di “vicende che fanno paura”. “Prima un vero e proprio colpo di stato per farlo fuori da Palazzo Chigi – scrive -. Ora, addirittura, vengono arrestati i suoi genitori. Vicende che fanno paura, indegne di un paese civile. Ha provato a cambiare davvero le cose, vogliono fermarlo ad ogni costo”. Solidarietà anche da Roberto Giachetti, candidato alle primarie del Pd. “Matteo Renzi noi ti conosciamo e sappiamo che neanche questa ti fermerà. E noi non ci spostiamo di un millimetro dalla tua strada perché sappiamo che è quella giusta”. Infine Maria Elena Boschi: “Continuo a credere nella giustizia, nonostante tutto. Ma credo ancora più di prima che questo Paese abbia bisogno del coraggio di Matteo Renzi. Noi continueremo la nostra battaglia, sempre dalla stessa parte #siamotuttiMatteoRenzi”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Diciotti, Boccia (Pd) al M5s: “Ribellatevi a questa deriva guidata da Di Maio. Casaleggio padre e Grillo volevano altro”

next
Articolo Successivo

Diciotti, nel voto M5s su Salvini l’Italietta che dal bar è passata in Parlamento

next