Mezzo governo è indagato per la vicenda della nave Diciotti. Lo scrive il Corriere della Sera spiegando che la procura di Catania ha iscritto nel registro degli indagati i nomi del premier Giuseppe Conte, del vicepremier Luigi Di Maio e del ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli. L’indagine, come anticipato nella giornata di ieri, è un atto dovuto dopo che il Senato ha inviato alla procura siciliana i documenti dei tre esponenti del governo, allegati alla memoria difensiva presentata da Matteo Salvini  davanti alla Giunta per le immunità di Palazzo Madama. Martedì prossimo i senatori guidati da Maurizio Gasparri sono chiamati a decidere la proposta da presentare in aula sulla richiesta di autorizzazione a procedere per sequestro di persona avanzata nei confronti del ministro degli Interni da parte dei tribunale dei ministri di Catania. Salvini è finito sotto accusa per aver vietato per cinque giorni lo sbarco ai 177 migranti a bordo della nave ormeggiata nel porto siciliano.

Mezzo governo indagato – Gasparri ha proposto alla Giunta di negare l’autorizzazione a procedere per Salvini. Decisivi per la sorte del ministro sono i sette voti dei senatori M5s, che hanno affidato a una consultazione online tra i loro iscritti la decisione sul voto da esprimere. Sull’autorizzazione a procedere si dovrò poi esprimere l’intera aula del Senato e dovrà farlo entro il 24 marzo. Adesso sotto indagine sono finiti anche Conte, Di Maio e Toninelli. In due documenti allegati alla memoria trasmessa alla Giunta, infatti, i tre esponenti dell’esecutivo hanno sottolineato la condivisione politica da parte dell’intero governo della linea tenuta sul caso della nave Diciotti. Un divieto allo sbarco durato cinque giorni, costato a Salvini l’incriminazione da parte del Tribunale dei ministri. Per il leader della Lega il procuratore Carmelo Zuccaro aveva chiesto l’archiviazione: una valutazione non condivisa dal tribunale dei ministri. Dopo l’arrivo dei due documenti con cui Conte, Di Maio e Toninelli si autodenunciavano, dunque, il capo dell’ufficio inquirente siciliano è stato obbligato a iscrivere nel registro degli indagati i tre esponenti del governo. “Non posso rilasciare dichiarazioni sulle iscrizioni, che si fanno o meno, per ragioni di segretezza”, diceva ieri Zuccaro. il quale dopo aver iscritto i nomi di Conte, Di Maio e Toninelli nel registro degli indagati, ha 14 giorni di tempo per comunicare al tribunale dei ministri la sua richiesta: con tutta probabilità dovrebbe chiedere l’archiviazione per i tre come aveva già fatto per Salvini. A quel punto il tribunale dei ministri di Catania avrà 90 giorni di tempo per svolgere eventuali indagini e decidere se archiviare o chiedere l’autorizzazione a procedere anche per i tre nuovi indagati.

L’indagine di Catania e il voto su Salvini – Il punto però, come spiega il quotidiano di via Solferino, è che se anche il Tribunale dei ministri non cambiasse opinione (i giudici saranno gli stessi che hanno giudicato il caso di Salvini) , la Giunta immunità del Senato che martedì voterà la sua proposta per Salvini, presto potrebbe essere chiamata a esprimersi nuovamente sul premier Conte e sul ministro Toninelli: il primo non è parlamentare e quindi viene giudicato per reati ministeriali da Palazzo Madama, il secondo invece è senatore come Salvini. Sarebbe invece la Giunta immunità della Camera a formulare il suo parere su Di Maio che è deputato. In pratica in poche ore la Diciotti è diventata un vero e proprio intreccio politico. Un incrocio di fatti giudiziari e politici che rende ancora più delicato il voto online di domani degli iscritti M5s, chiamati a scegliere sul portale Rousseau se mandare o meno al processo per Salvini. Come ha ricordato ieri il sottosegretario Manlio Di Stefano, i senatori del M5s seguiranno il voto online in Giunta. Ma cosa accadrebbe infatti se analogo verdetto di qui a poco a sarà richiesto per Conte, Di Maio e Toninelli? La gran parte del gruppo dirigente del M5s ha più volte sottolineato come un parlamentare pentastellato chiederebbe di farsi processare, a differenza di Salvini. E se pubblicamente il ministro dell’Interno ostenta sicurazza, privatamente – secondo La Stampa – teme che l’alleato possa abbandonarlo al suo destino: “Spero che il gioco non sfugga di mano a Di Maio”, è il virgolettato accreditato al leader della Lega.

Le ipotesi e i tempi: il tribunale dei ministri può archiviare – D’altra parte, però, non è neanche certo che i giudici del tribunale dei ministri di Catania – gli stessi che hanno chiesto il processo per Salvini – decidano di chiedere l’autorizzazione a procedere per Conte, Di Maio e Toninelli. Nelle memorie inviate a Catania da Palazzo Madama – come chiesto in Giunta dall’ex presidente del Senato Pietro Grasso – nessuno dei tre esponenti dell’esecutivo ha scritto di aver deciso materialmente insieme a Salvini il divieto allo sbarco per i migranti. E quel divieto è l’atto concreto con cui si è consumato – secondo i giudici – il reato di sequestro di persona.  “Le determinazioni assunte  sono riconducibili a una linea di politica sull’immigrazione che ho condiviso con tutti i ministri competenti, in coerenza con il programma di governo”, scrive Conte nel suo documento. “L’ azione del governo e le decisioni del ministro dell’ Interno ad esse relative sono da imputarsi collegialmente in capo anche ai sottoscritti“, sono le parole usate da Di Maio e Toninelli. Termini generici che non indicano un atto formale compiuto dai tre insieme a Salvini. E quindi, mancando quell’atto concreto, il tribunale dei ministri potrebbe anche decidere di archiviare le posizioni di Conte, Di Maio e Toninelli. Nonostante l’autodenuncia.

Sottosegretario Santangelo: “Votare no”. Fattori: “Io scelgo il sì” – Intanto tra i 5 stelle il dibattito sul voto online si fa sempre più rovente. “Ritengo che l’autorizzazione a procedere contro Salvini non vada concessa perché si tratta di una scelta collegiale del consiglio ministri”, dice il sottosegretario ai rapporti con il Parlamento e la democrazia diretta, Vincenzo Santangelo. “Non saremmo dovuti arrivare a questo – ha proseguito – Salvini avrebbe dovuto rinunciare al voto e farsi processare. La scelta finale spetterà comunque alla base. Voteremo sì se questa sarà la volontà che emergerà dalle consultazioni online”. Di segno opposto l’opinione della senatrice Elena Fattori. “Voterò sì. Nel nostro programma è prevista l’abolizione di ogni tipo d’immunità per ministri e parlamentari. Non sono dissidente  sono coerente. Il nostro programma parla chiaro, non sono stata eletta in base al contratto di governo. Io ho un vincolo rispetto al programma del Movimento e basta”, dice in una intervista al Quotidiano Nazionale. Sul fatto che se la base si pronuncerà per il no, i senatori 5s della Giunta dovranno adeguarsi, Fattori risponde: “La responsabilità è dei singoli. Se votano no infrangono quanto scritto nel nostro programma. Io – aggiunge – ho sottoscritto di rispettare un programma, ma non c’è nessun vincolo che ci obbliga a rispettare le votazioni online su Rousseau, a meno che non riguardino la vita politica del nostro Movimento. Rousseau è una piattaforma privata, di un’associazione privata. Non può essere usata per questioni d’interesse nazionale dove vota solo una parte”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Isola d’Elba come il Regno Unito: l’idea di un tunnel sottomarino da Piombino: “Progetto top secret, costerà 9 miliardi”

prev
Articolo Successivo

Diciotti, Berlusconi: “Salvini rischia il processo? Begli alleati che si è trovato. Ci pensi sopra”

next