Il voto della giunta per le Immunità di Palazzo Madama sul caso della nave Diciotti è stato programmato per martedì 19 febbraio alle 13.30. Ieri, con una relazione di 15 pagine, il relatore e presidente dell’organismo Maurizio Gasparri ha chiesto che non si conceda l’autorizzazione a procedere nei confronti del ministro dell’Interno Matteo Salvini: è accusato di sequestro di persona aggravato per non aver fatto scendere i migranti dalla nave. Arrivando in giunta, il senatore del M5s Mario Michele Giarrusso ha risposto ai cronisti che gli chiedevano se i 5 stelle avessero deciso come votare: “Ci stiamo ragionando sopra”. E al termine ha aggiunto: “Martedì saprete la posizione del M5s”. Ieri Giarrusso aveva detto che “in caso di no al processo, gli attivisti capirebbero”.

Chi ha già espresso la sua posizione è invece il senatore ed ex presidente del Senato Pietro Grasso: “Sì all’autorizzazione a procedere, altrimenti si apre un precedente pericoloso”, ha detto a Radio Cusano Campus. “Poi sarà magari il giudice a stabilire che il ministro ha agito senza dolo sul sequestro di persone. Un giorno un ministro potrebbe dire: chiudiamo gli studenti in una scuola e non sarebbe sottoposto a giudizio, è questo che mi preoccupa”. In quanto alla linea del Movimento cinque stelle Grasso ha aggiunto che “M5S ha un sistema verticistico e la decisione verrà presa in quest’ottica, ma io ricordo che loro sono sempre stati per rivolgersi all’autorità giudiziaria senza filtri politici del Parlamento. La proposta di Gasparri non è un assist al M5s, il presidente nella sua relazione ha usato argomentazioni che mettono il premier Conte al centro dell’azione piuttosto che il ministro Salvini”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Caso Diciotti, in cosa consiste la richiesta di autorizzazione a procedere contro Salvini

prev
Articolo Successivo

Camera, scontro in Aula: Pd lascia l’Aula in polemica con Fico. Il dem Marattin mette le mani in faccia a deputato M5s

next