“Oggi non ci è stato presentato alcun piano industriale, che per essere credibile non deve prevedere né esuberi né idee di riduzione di salario e diritti. Su occupazione e salario non ci possono essere da pagare altri prezzi, i lavoratori di Alitalia hanno già dato”. Lo ha detto il leader della Cgil, Maurizio Landini, al termine dell’incontro al Mise su Alitalia, ribadendo che “bisogna accelerare i tempi”. La data indicata al tavolo del 31 marzo come termine per la presentazione del piano industriale “è un tempo troppo lungo”. Un altro messaggio che abbiamo detto riguarda l’occupazione e i salari: non ci possono essere altri prezzi perché -spiega il numero uno della Cgil – i lavoratori di Alitalia hanno già dato, non ci devono essere tagli occupazionali e riduzione di salari e dei diritti”, conclude il leader di Corso d’Italia

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Blutec, delegazione incontra Di Maio: tavolo tecnico anticipato al 23 febbraio. Orlando: “Aspettiamo interventi concreti”

next
Articolo Successivo

Inps, sindacati denunciano Tito Boeri per “comportamento antisindacale”: “Piano del personale non rispetta contratto”

next