“Oggi non ci è stato presentato alcun piano industriale, che per essere credibile non deve prevedere né esuberi né idee di riduzione di salario e diritti. Su occupazione e salario non ci possono essere da pagare altri prezzi, i lavoratori di Alitalia hanno già dato”. Lo ha detto il leader della Cgil, Maurizio Landini, al termine dell’incontro al Mise su Alitalia, ribadendo che “bisogna accelerare i tempi”. La data indicata al tavolo del 31 marzo come termine per la presentazione del piano industriale “è un tempo troppo lungo”. Un altro messaggio che abbiamo detto riguarda l’occupazione e i salari: non ci possono essere altri prezzi perché -spiega il numero uno della Cgil – i lavoratori di Alitalia hanno già dato, non ci devono essere tagli occupazionali e riduzione di salari e dei diritti”, conclude il leader di Corso d’Italia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Blutec, delegazione incontra Di Maio: tavolo tecnico anticipato al 23 febbraio. Orlando: “Aspettiamo interventi concreti”

prev
Articolo Successivo

Inps, sindacati denunciano Tito Boeri per “comportamento antisindacale”: “Piano del personale non rispetta contratto”

next