Si chiama “Tomo” la concept car elettrica che sarà esposta in anteprima mondiale al Salone di Ginevra (8-18 marzo): è stata creata dagli studenti dell’Istituto Europeo di Design di Torino (IED) in collaborazione con Honda. Si tratta del progetto di tesi sviluppato nell’arco di sei mesi dai 13 studenti del Master biennale in Transportation Design della scuola torinese. Lo scopo della progettazione era quella di disegnare un mezzo di trasporto ideale per i giovani da qui ai prossimi sei anni.

Ecco, quindi, che i ragazzi dello IED hanno dato vita a un veicolo “a metà strada fra uno smart device e un mobility tool, in grado di unire in un unico abitacolo le esigenze del divertimento nel tempo libero fuori dalla città con quelle lavorative all’interno dello scenario urbano”, come spiega una nota ufficiale. Lungo 4 metri, Tomo unisce le forme da coupé e quelle, funzionali, di un mini pick-up. Un prototipo che, appunto, mira a intercettare il favore delle nuove generazioni, sempre più coinvolte in mestieri anticonvenzionali e impegnate a difendere l’ambiente attraverso scelte ecologiche e sostenibili.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Vespa, i suoi primi 70 anni su una moneta da 5 euro

prev
Articolo Successivo

Problemi di invadenza a letto? Il Ford Bed Keeping Assist ti rimette in “carreggiata” – FOTO e VIDEO

next