Aveva creato un trucco per avere soldi infiniti sul popolare videogioco Gta Online e ora è stato condannato a pagare una multa di 150mila dollari più 66.869 dollari di spese legali, per un totale di 191 mila euro. È accaduto in Florida, negli Stati Uniti, a Jhonny Perez che era riuscito a creare e condividere Elusive, uno strumento a pagamento che permetteva ai giocatori di avere valuta infinita in gioco. I trucchi, chiamati “cheats” nel gergo dei gamers, sono vecchi quanto i videogiochi e fino a pochi anni fa erano gli stessi sviluppatori a inserirli nei propri titoli.

Adesso però, le regole sono cambiate e i creatori di trucchi vengono identificati come criminali perché con l’avvento del gioco online, ma soprattutto di avanzamenti e contenuti speciali acquistabili con denaro reale, quelli che erano solo degli innocui sotterfugi sono diventati dei veri e propri rischi per l’economia di società quotate in borsa. Non a caso, per accedere a Elusive si pagava. Perez insomma aveva creato una seconda economia all’interno del gioco. Non solo: giocando in Rete con altri giocatori, Elusive falsava l’esperienza di gioco (oltre ai soldi infiniti si potevano modificare tanti altri parametri) anche di chi conquistava i potenziamenti con l’esperienza o pagandoli regolarmente.

Per questo Take-Two, la casa produttrice del gioco, un anno fa era riuscita a far scomparire Elusive e Perez si era anche scusato con tutti i giocatori ma non bastava. L’azienda aveva chiesto all’uomo di donare tutti i suoi guadagni illeciti in beneficenza ma, di fronte al secco rifiuto di Perez di dichiarare quanto percepito con Elusive, aveva fatto scattare la denuncia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La ex velina sulla tv: “Non è sana. Di farla per essere etichettata e manipolata per un business altrui non mi va”

prev
Articolo Successivo

Anna Foglietta su Sanremo: “Non direi che è un’esperienza indimenticabile. Non mi sono piaciuti gli sketch, alcuni erano imbarazzanti”

next