Il governo del presidente Recep Tayyip Erdogan ha dichiarato lo stato di emergenza il 20 luglio 2016, cinque giorni dopo il tentato colpo di stato attribuito al predicatore islamista Fetullah Gülen, ex alleato del capo dello Stato diventato poi il suo peggior nemico. Tra l’entrata in vigore del regime speciale e la sua revoca effettiva, il 25 luglio 2018, circa 170mila persone accusate di legami con l’organizzazione gülenista FETÖ sono state perseguite in giudizio e tra loro più di 50mila sono finite in prigione.
Circa 130mila dipendenti pubblici sono stati inoltre costretti a lasciare i loro posti di lavoro, nella maggior parte dei casi senza alcuna spiegazione. Una caccia alle streghe che ha permesso al governo di sbarazzarsi anche di numerosi sindacalisti e militanti di sinistra e pro-curdi.
di Nicolas Cheviron
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Davide Falcioni, confermata la condanna a 4 mesi: documentò irruzione dei No Tav

prev
Articolo Successivo

Libertà di stampa, Consiglio d’Europa: “Italia come Turchia, Russia e Ungheria. Picco di segnalazioni col nuovo governo”

next