“Il mega flop di Celentano in prima serata? Erano 50 anni che aspettavo questo momento. Ero sicuro che il programma sarebbe andato male. Adrian ricalca il film Joan Lui, degli Anni 80, che fu un grande insuccesso”. Non usa mezzi termini Don Backy, intervistato in esclusiva dal settimanale Oggi, per commentare l’insuccesso che ha avuto lo show di Adriano Celentano. 

Lo storico componente del Clan, che abbandonò dopo una lite col Molleggiato, racconta: “I primi anni con lui sono stati divertenti, ma dopo che si è sposato con Claudia Mori, nel 1964, tutto è cambiato. Per parlargli bisognava sempre passare attraverso un filtro, non rispondeva mai di persona al telefono”. Dopo mezzo secolo la rabbia del cantautore non è ancora sbollita: “Gli feci causa e alla fine Adriano mi firmò un assegno. Ma non ha mai riconosciuto veramente  le mie ragioni”.

Infine un aneddoto inedito: “Perché mi chiamo Don Backy? Quando mi presentarono a Celentano io cantai una ballata western, e avevo il raffreddore da fieno. Così lui decise su due piedi che il mio nome d’arte sarebbe stato Cocco Bacillo. Cocco come uno sceriffo dei fumetti e bacillo perché starnutivo di continuo. A me quel nome faceva orrore così risposi col primo nome che mi venne in mente: “Adriano, Cocco Bacillo no, facciamo che mi chiamerò Daniele”. Celentano mi guardò e disse: ‘Ok, vada per Daniele Bacillo’. Da lì inizio una trattativa e il nome si trasformo prima in Daniele Baci e poi in Don Backy”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Liam Neeson, la rivelazione choc: “Anni fa girai per una settimana cercando un ‘bastardo nero’ qualsiasi da uccidere”

next
Articolo Successivo

Greta Pierotti, la fatina dei bambini di Rai Yo Yo: “Mi sono arrivate tante mail dai papà ma con molta eleganza mi chiedono…”

next