Segnali di apertura da sinistra per la partecipazione alle primarie del Pd e la parola Ulivo che ritorna, prepotente, perché a pronunciarla è il coordinatore della campagna congressuale di Nicola Zingaretti. Il favorito alla corsa per la segreteria del Partito Democratico flirta con i fuoriusciti e da Carlo Calenda ai renziani è tutto un richiamo all’ordine, perché “ci hanno fatto la guerra” e serve “chiarezza”. Le acque vengono agitate da Laura Boldrini, che in un’intervista a Il Foglio dice di riflettere sulla possibilità di votare alle primarie dem e, implicitamente, di schierare la sua associazione, Futura, a sostegno del governatore del Lazio.

Il confronto è aperto e nulla è stato deciso, ma i segnali vengono da lontano. A metà gennaio il coordinatore regionale toscano di Futura, Diego Blasi, disse esplicitamente: “Non siamo iscritti al Pd, ma voteremo Zingaretti alle primarie”. E al di là delle primarie, c’è anche la questione Europee. Quando nelle settimane scorse Zingaretti (che a novembre, tra l’altro, fu tra gli ospiti dell’assemblea nazionale di Futura) lanciò la proposta di una lista unitaria, dall’associazione dell’ex presidente della Camera arrivarono subito reazioni positive. “Apprezzo la proposta di Zingaretti – commentò Boldrini – è una prospettiva sulla quale io stessa sto lavorando da mesi”.

E anche dal versante Zingaretti le cose si muovono. Il coordinatore di Piazza Grande, Massimigliano Smeriglio in un’intervista al Tempo sulle polemiche renziane per il possibile voto pro-Zingaretti da parte di Boldrini e dei fuorisciti di Mdp, ha risposto: “Le primarie, aperte per scelta politica e per statuto del Pd, potrebbero diventare l’occasione della ricomposizione di tutte le culture uliviste del Paese, da quelle più moderate a quelle più radicali”. Dopo il voto del 4 marzo, ha aggiunto, “bisogna costruire in discontinuità, cercando nuove strade per uscire dalla residualità in cui la sinistra tutta si è cacciata. Con umiltà e con la determinazione di mettere in campo nuove biografie nuove generazioni e nuove idee”. Un gioco di sponda con l’area di Mdp e un giudizio netto sui precedenti governi che innervosisce Calenda e i fedelissimi di Matteo Renzi.

“Le primarie, previste dallo statuto, servono per scegliere il segretario e per rafforzare il Pd, non per creare un nuovo partito insieme a chi per anni ha fatto la guerra ai nostri governi”, dice il capogruppo del Pd al Senato, Andrea Marcucci. Sulla stessa lunghezza d’onda la pasdaran renziana, Alessia Morani. E via, via tanti altri. Mentre l’ex ministro dello Sviluppo Economico chiede invece al governatore del Lazio e candidato alla segreteria di chiarire se condivide “i giudizi sprezzanti” di Smeriglio sui governi guidati da Letta, Renzi e Gentiloni: “Ora basta. Chiarezza”. Chiusa lì? No, perché proprio un ex ministra renziana, Marianna Madia, che ora appoggia la mozione Zingaretti, si rivolge al suo ex collega di governo: “Caro Carlo – scrive su Twitter – ho firmato il tuo manifesto e credo che i nostri governi abbiano fatto molte cose ottime. Ma se l’obiettivo è (e deve essere) unire, non si può costantemente mettere all’indice chiunque, nel nostro campo, è portatore di idee non identiche”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

M5s, nasce comitato rendicontazioni: “Gli iscritti a piattaforma Rousseau voteranno per decidere a chi destinare i fondi”

prev
Articolo Successivo

Milano, l’occupazione Macao scalda il consiglio comunale. Insulti tra Lega e sinistra: “Delinquenti”. “Tornate a Roma a fare un cazzo”

next