Durante l’appello nell’aula dell’assemblea per la verifica del numero legale, il consigliere comunale di Forza Italia di Reggio Calabria, ex candidato sindaco, Lucio Dattola, ha risposto col saluto romano e un “a noi” pronunciato a bassa voce. Il gesto, ripreso da una telecamera, è stato definito “gravissimo, inqualificabile e inaccettabile” dal sindaco Giuseppe Falcomatà (Pd). “Ancora più grave – ha aggiunto – perché accaduto all’interno dell’aula del consiglio che è la massima assise democratica. E’ un vilipendio alle istituzioni”.

Solo pochi giorni fa sempre a Reggio Calabria aveva fatto discutere un altro episodio di cui è stato protagonista l’assessore alla Polizia municipale e sicurezza urbana di Reggio Calabria, Antonino Zimbalatti. In un post a commento della dichiarazione di un calciatore della Reggina apparso sulla pagina social del giornale online Citynow, il componente della giunta di Falcomatà aveva scritto “ffundamu e zinghiri”, ovvero “affondiamo gli zingari“, rivolto ai catanzaresi.