Durante l’appello nell’aula dell’assemblea per la verifica del numero legale, il consigliere comunale di Forza Italia di Reggio Calabria, ex candidato sindaco, Lucio Dattola, ha risposto col saluto romano e un “a noi” pronunciato a bassa voce. Il gesto, ripreso da una telecamera, è stato definito “gravissimo, inqualificabile e inaccettabile” dal sindaco Giuseppe Falcomatà (Pd). “Ancora più grave – ha aggiunto – perché accaduto all’interno dell’aula del consiglio che è la massima assise democratica. E’ un vilipendio alle istituzioni”.

Solo pochi giorni fa sempre a Reggio Calabria aveva fatto discutere un altro episodio di cui è stato protagonista l’assessore alla Polizia municipale e sicurezza urbana di Reggio Calabria, Antonino Zimbalatti. In un post a commento della dichiarazione di un calciatore della Reggina apparso sulla pagina social del giornale online Citynow, il componente della giunta di Falcomatà aveva scritto “ffundamu e zinghiri”, ovvero “affondiamo gli zingari“, rivolto ai catanzaresi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Padova, saluto romano al funerale del segretario regionale di Forza Nuova: Digos fa informativa in Procura

prev
Articolo Successivo

Raggi ‘sfratta’ le società dagli impianti sportivi. Club: ‘Favorite le grandi catene’. Comune: ‘E’ la legge, si premia il merito’

next