Lunga serata per i due vicepremier e leader di Lega e M5S, Matteo Salvini e Luigi Di Maio. Il ministro dell’Interno ha riunito i parlamentari del Carroccio a Palazzo Madama, mentre Luigi Di Maio era a colloquio con i senatori pentastellati, componenti della Giunta per le immunitàparlamentari del Senato organo che dovrà pronunciarsi proprio sull’operato di Salvini per quanto riguarda i 177 migranti a bordo della nave Diciotti ormeggiata per cinque giorni nel porto di Catania, vietando alla nave l’attracco nel porto. Al termine della riunione guidata da Salvini, durata poco meno di un’ora, il capogruppo dei senatori leghisti, Massimiliano Romeo afferma: “La nostra posizione è chiara: processare Matteo Salvini per l’esercizio delle sue funzioni di Ministro che ha rispettato il contratto di governo e soprattutto agendo nell’interesse dei cittadini italiani, significa processare tutto il governo e mi sembra anche che le dichiarazioni del Presidente del Consiglio hanno ribadito che quell’azione era stata voluta da tutto il governo. Ora – aggiunge Romeo, rivolgendosi al M5S – il messaggio è chiaro e chi ha orecchie per intendere, intenda”. Conseguenze sul governo se M5S manderà Salvini a processo? “Più chiaro di così…” si congeda Romeo. Più lunga la riunione del M5S, terminata poco prima della mezzanotte. Al termine bocche cucite da parte dei componenti 5 Stelle della Giunta per le immunità del Senato, solo il capogruppo dei senatori M5S, Stefano Patuanelli si lascia sfuggire un “non abbiamo ancora deciso”, mentre Luigi Di Maio dribbla le domande: “Abbiamo mangiato benissimo, adesso andiamo a prendere un caffè da Conte”. Non aggiunge altro Di Maio mentre raggiunge palazzo Chigi, come fa anche Salvini per un vertice iniziato quindi minuti dopo la mezzanotte e terminato all’una e trenta. I due vicepremier hanno lasciato il palazzo del governo in auto evitando i cronisti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sea Watch, Travaglio: “Decisione fu presa da tutto il governo, non solo da Salvini. M5s dovrebbe autodenunciarsi”

prev
Articolo Successivo

Diciotti, Salvini: “Io come Berlusconi su giudici? No, è diverso. Non sono ministro che gratta ma difendo il mio Paese”

next