Con un lungo post su Facebook, Giancarlo Magalli ha smentito la notizia della sua relazione con la 22enne Giada Fusaro, di 49 anni più giovane di lui, pubblicata dal settimanale Gente in un servizio dal titolo “La verità sulla loro storia“. “Oggi, improvvisamente, mi viene attribuita una relazione, per di più con una ragazza più giovane di mia figlia e questo ha provocato reazioni che vanno dalla solidarietà al rimprovero – scrive il conduttore -. Dato che le notizie, lo sappiamo bene, sono come le valanghe e quando cominciano a rotolare si ingrossano sempre più, forse è meglio chiarire come stanno veramente le cose”.

“Tre mesi fa ho ospitato nella mia trasmissione Giada, una ragazza della provincia di Brescia venuta a raccontare una dolorosa storia di abusi subiti a dodici anni da parte del suo maestro di karate, appena condannato per quei fatti a più di nove anni di carcere. Giada è una ragazza graziosa e pulita, alla quale la vita ha riservato momenti orribili, ma che non ha perso né il coraggio né il sorriso – prosegue Magalli -. Mi colpì la sua franchezza e l’essersi voluta esporre per salvare altre bambine e per non lasciare impunito l’uomo che le aveva rubato l’infanzia. Dopo la sua partecipazione mi scrisse per ringraziarmi e io le risposi, dicendole che era stata brava. Ci siamo scambiati qualche altro messaggio e ci siamo incontrati di nuovo in occasione di un mio viaggio di lavoro nella zona del Garda. In quella circostanza Giada mi invitò a pranzo e conobbi i suoi genitori ed i suoi nonni, persone simpaticissime e piacevoli”.

“Dopo di ciò abbiamo mantenuto i contatti fino ad un mese fa, quando è stata lei a venire a Roma per un paio di giorni per motivi legati alle sue vicende processuali. Mi ha fatto molto piacere rincontrarla e ci siamo regalati un pranzo con passeggiata in centro per il caffè. Quello è il momento in cui siamo stati fotografati e su quelle immagini di due amici che passeggiano a braccetto scherzando è stata inventata e costruita una storia d’amore. Non ci sarebbe niente di male, siamo entrambi maggiorenni (io un po’ troppo, forse), ma non voglio che si continui ad alimentare una storia che molti vedono, magari a ragione, come un po’ anomala. Con Giada continuiamo a sentirci, e lo facciamo molto volentieri, anche se non ci siamo più visti (ma non è detto che non accadrà) e ci piacerebbe vivere la nostra amicizia senza illazioni, sospetti e maldicenze che non hanno ragione di essere. Nel frattempo io resto solo e lei vive la sua vita come è giusto che una ragazza di 22 anni faccia, possibilmente senza che nessuno continui a speculare”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fabrizio Corona: “La mia migliore amica mi portava in comunità ragazze per fare sesso. Così ho conosciuto Le Donatella”

prev
Articolo Successivo

Cane cade in un pozzo: il padrone cerca di salvarlo ma muoiono entrambi

next