Centinaia di topi bianchi e grigi sulle strade del Cesenate, molti finiti investiti dalle auto: si tratta di roditori di grosse dimensioni, forse non ‘indigeni’, la cui provenienza non è ancora chiara. A incrociarli, nei giorni scorsi, diversi automobilisti in località Capanna Guzzo.  Sul posto venerdì sera sono intervenuti i Vigili del fuoco volontari di Cesenatico. “Non avevamo mai visto uno scenario del genere – hanno spiegato – È probabile che in questa zona si sia formata in breve tempo una grande e numerosa colonia di topi, che hanno trovato riparo e cibo a volontà in una piccionaia dismessa. Quando siamo arrivati la strada era invasa dai roditori. Abbiamo pulito, eseguito un lavaggio stradale e rimosso le carcasse dei grossi topi morti investiti che sono più di cento e presumibilmente dovranno essere esaminate dall’Ausl”. Sul posto anche la polizia municipale di Cesena che ha allertato l’Ausl. Oltre ai problemi igienici e di salute pubblica, l’invasione preoccupa anche i proprietari di allevamenti avicoli della zona.

Tra gli automobilisti che hanno segnalato il passaggio dei ratti anche la consigliera provinciale di Forlì-Cesena e consigliera comunale a Cesenatico, Lina Amormino, che venerdì sera ha filmato i ratti lungo la strada. “È già la terza sera di seguito che si vedono centinaia di topi correre lungo la via Medri – ha detto la consigliera – molti dei quali vengono investiti dalle auto e uccisi. Ho la sensazione che sia accaduto qualcosa, sembravano impazziti, si mordevano e mangiavano tra loro”, forse, aggiunge, “scappavano perché colpiti da un’azione di derattizzazione o da ‘disturbator’, apparecchi che oggi sono diffusi”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Castelnuovo di Porto, il pullman coi migranti a bordo sta per lasciare il Cara ma la deputata si mette davanti e lo blocca

next
Articolo Successivo

Guido Rossa, Mattarella a Genova per i quarant’anni dal delitto: “I brigatisti in fuga devono scontare la pena”

next