La Lega resta ampiamente il primo partito ma la crescita registrata negli scorsi in mese, ancora in atto nelle rilevazioni che riguardano direttamente le Europee, sembra invece essersi arrestata negli orientamenti di voto degli italiani. Il sondaggio di Swg per il TgLa7 segnala infatti un Carroccio in calo di 0,7 punti percentuali rispetto a una settimana fa: ora il partito di Matteo Salvini è stimato al 31,5%, un risultato che aveva già raggiunto a novembre scorso e dal quale, salvo qualche oscillazione, non si è più discostato. Allo stesso modo, Swg conferma anche un trend diverso in atto per il Movimento 5 stelle, dato in crescita di mezzo punto percentuale al 25,7%: i pentastellati sembrano essersi stabilizzati sopra il 25% e aver arginato la perdita di voti cominciata dopo la nascita del governo Conte. Esecutivo che comunque, se si sommano le due stime, continua a mantenere la preferenza di più della metà degli italiani negli orientamenti di voto.


La novità arriva dalle opposizioni che registrano una crescita, seppur lieve. In testa c’è il Partito democratico che guadagna un +0,6% arriva al 17,9%, un po’ più vicino al 18,7% del 4 marzo scorso. Salgono leggermente anche Forza Italia e Fratelli d’Italia, rispettivamente stimate da Swg all’8,6% e al 4,4%. Da segnalare poi quello che accade a sinistra al di fuori del Pd: il trend sembra essere negativo per tutta la galassia di partitini, da +Europa a Potere al Popolo, ma insieme tutte queste formazioni vengono stimate con un bacino di elettori che arriverebbe quasi al 12 per cento.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Reddito di cittadinanza, Conte: “Non ha finalità assistenziale, cittadini sono incentivati a trovare un lavoro”

next
Articolo Successivo

Renzi: “Salvini dice che lo voglio vedere nudo: che immagine raccapricciante. Fai il ministro, basta demagogia”

next