Sono 144 i migranti a bordo della Lady Sham, nave cargo che ha condotto un’operazione di salvataggio coordinata dalla Guardia costiera libica. Nella notte tra il 21 e il 22 gennaio i migranti sono stati fatti sbarcare sulla costa libica e portati in un centro di detenzione per migranti. Da qui non possono uscire e hanno difficoltose comunicazioni con l’esterno.

Lo conferma a ilfattoquotidiano.it Flavio Di Giacomo, portavoce dell’Organizzazione internazionale delle migrazioni (Oim). A quanto risulta, le operazioni di sbarco nel porto di Misurata sarebbero state effettuate da pescherecci e non imbarcazioni della Guardia costiera libica, come avviene normalmente. Non si sa in quale modo i migranti siano stati convinti a scendere, visto che fino a ieri si erano dichiarati pronti a morire pur di non tornare in Libia. Secondo quanto riportato dall’ong Alarm Phone, che riceve le chiamate dai migranti in mare, l’equipaggio a bordo della Lady Sham avrebbe promesso ai migranti di portarli in Italia.

Le persone sbarcate si trovano debilitate e molto stanche, secondo quanto riscontrato dal personale Oim. Ci sono anche diverse donne incinte e minori. “Non ci sono persone in pericolo di vita”, sottolinea Di Giacomo. I migranti verrebbero da Nigeria, Marocco, Ghana, Egitto, Mali, Sudan, Chad e Bangladesh, riporta una nota della Guardia costiera libica a commento dell’operazione.

Oim e Unhcr, le due agenzie Onu che si occupano di rifugiati, criticano il fatto che la Libia venga ritenuta oggi un porto sicuro. “Considerato l’attuale contesto, in cui prevalgono scontri violenti e diffuse violazioni dei diritti umani, i migranti e i rifugiati soccorsi non devono fare ritorno in Libia”, scrive l’Unhcr in una nota, sollecitando gli Stati a “intervenire con urgenza per ristabilire misure di soccorso efficaci nel Mediterraneo aumentando le operazioni di soccorso coordinate e congiunte, ristabilendo procedure di sbarco rapide in porti sicuri, e revocando le misure che impediscono di operare alle imbarcazioni delle Ong”.

Il 21 gennaio Human Rights Watch ha pubblicato il rapporto “L’inferno senza scampo: Le politiche dell’Unione Europea contribuiscono agli abusi sui migranti in Libia”. L’ong internazionale ha registrato abusi (pestaggi e frustate) in quattro centri di detenzione ufficiali nella Libia occidentale. Qui ci sarebbero anche neonati tra i detenuti. “Nel 2018 – scrive Human Rights Watch – , quasi il 20 per cento dei migranti che hanno raggiunto l’Europa via mare partendo dalla Libia erano bambini”.

La Guardia costiera libica, in una nota, scrive che tra il 20 e il 21 gennaio ha condotto sulle sue coste 332 persone. Una di queste operazioni di salvataggio si è svolta a largo di Khoms, a metà tra Misurata e Tripoli. Qui la porta container Gesina Schepers ha salvato 104 migranti, tra cui 25 donne e 9 bambini. Informazioni queste che non possono essere ancora confermate dalle agenzie Onu, che ancora non hanno raccolto notizie in merito. Secondo il corpo militare libico, i migranti provengono da Ghana, Sudan, Sud Sudan, Eritrea, Yemen, Siria e Somalia. In tutto, tra domenica e lunedì, sarebbero 332 i migranti riportati a terra da navi coordinate dall’ufficio di coordinamento delle operazioni di salvataggio libico. Almeno due, per la Guardia costiera libica, i morti durante la traversata.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Romania, ministero di Giustizia annuncia decreto d’emergenza. “Invalida centinaia di processi per corruzione”. Faro dell’Ue

prev
Articolo Successivo

Muro di Berlino, chi l’ha costruito? A 30 anni dalla caduta è ancora un problema

next