In un’intervista al Corriere della Sera, Ilaria D’Amico ha parlato della sua relazione con Gigi Buffon, l’ex portiere della Juventus ora al Paris Saint-Germain, con il quale ha una storia dal 2014. I due sono felicemente fidanzati ma dopo anni in cui vivevano a un tiro di schioppo, lei a Milano e lui a Torino, ora con il trasferimento di Buffon a Parigi le cose si sono complicate, come ammette lei stessa.”La nostra vita è complicata? Confermo, molto complicata. Ma anche molto bella”. Non è infatti semplice conciliare famiglia e lavoro: “Con quattro bimbi da gestire, ma piena di calore. In tutte le famiglie gestire quotidianità e lavoro non è mai facile. Nella nostra in particolare, con una sede anche all’estero, sarebbe stato molto più difficile mantenere solidità, equilibri e quel calore che ci piace consolidare costantemente nella nostra famiglia”.

Dalla sua vita, fatta di incastri perfetti e aeroporti, la D’amico ha imparato “che ci vuole tempo e disponibilità per costruire e tenere unita una famiglia come la nostra. Che se avessi lavorato con tutti gli impegni di prima, non ce l’avrei fatta,  anche se amo il calcio e il mio lavoro. E che – se la scelta è libera e consapevole – vale la pena di fare qualche rinuncia per vedere attorno a sé crescere gli affetti più cari”. E alla domanda di dove si vede fra qualche anno, risponde così: “Non saprei proprio e non mi interessa particolarmente. La vita da quando ho vent’anni dimostra di sapermi stupire ad ogni angolo. Mi piace vivere intensamente ogni giorno e lasciarmi guidare dall’istinto del momento. In ogni caso, sempre e per sempre cittadina del mondo, ma con tutti i miei affetti intorno”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lory Del Santo: “Sono nata in una stalla, poi a 19 anni mi hanno arrestata”

next